Pesaro: Accertamenti per 5.5 milioni con i software di Advanced Systems

Il Comune di Pesaro punta sulla lotta all’evasione tributaria. E lo fa attraverso la società partecipata Aspes SPA, che si avvale dei software di Advanced Systems. “Recentemente abbiamo emesso accertamenti per Imu e Tasi, relativi alle annualità comprese tra il 2014 e il 2016”, spiegano i tecnici di Aspes. Il totale degli accertamenti emessi d’ufficio poche settimane fa per l’Imu- fa sapere il responsabile del servizio finanziario del Comune di Pesaro Maurizio Frugis- ammonta a 4.511.500 euro, cui si aggiungono altri 892mila euro di accertamenti per la Tasi.

L’attività di accertamento di Aspes ha prodotto già ottimi risultati. “Dal 2014- sottolinea Laura Rigolli, responsabile ufficio accertamenti di Aspes S.P.A.- ci siamo dotati dei prodotti di Advanced Systems per i tributi locali, prima per l’Imu e poi per Tasi e Tari. E ancora per la riscossione coattiva e per l’imposta di soggiorno. Attualmente il Comune di Pesaro ha una percentuale compresa tra il 30 e il 35% di riscossioni, rispetto agli accertamenti emessi”.

Tra il 2016 e il 2019 il Comune ha incassato già oltre 4 milioni di euro con gli accertamenti d’ufficio emessi per l’Imu, grazie ai software di As.

Aspes S.p.A. è una società fondata nel 1913 a capitale interamente pubblico. È partecipata da 14 Amministrazioni locali, fra le quali il Comune di Pesaro che ne detiene la maggioranza azionaria.

Aspes S.p.A. si occupa della gestione ordinaria e dell’accertamento dei tributi locali (IMU – TASI – TARES/TARI) per i Comuni di Pesaro, Gradara, Mombaroccio, Montelabbate, Petriano, Tavullia, Vallefoglia. La stessa Aspes S.P.A. gestisce il servizio Riscossione coattiva dei Comuni di Pesaro, Gabicce Mare, Gradara, Mombaroccio, Montelabbate, Vallefoglia e Unione dei Comuni Pian del Bruscolo.

1 Trackback