Ultime notizie

IMU E TASI 2017, ECCO IL RIEPILOGO DELLE NORME PER IL SALDO DEL 18 DICEMBRE

IMU E TASI 2017, ECCO IL RIEPILOGO DELLE NORME PER IL SALDO DEL 18 DICEMBRE

14 Dicembre 2017

Il saldo IMU e TASI scade lunedì 18 dicembre 2017. Non ci sono novità rispetto allo scorso anno. Tutto...

CALCOLOIUC2017 E’ SUL PORTALE DEL “SOLE 24 ORE”

CALCOLOIUC2017 E’ SUL PORTALE DEL “SOLE 24 ORE”

13 Dicembre 2017

Anche per il saldo Imu e Tasi del 18 dicembre prossimo i lettori del “Sole 24 Ore” possono usufruire...

Tari 2017, a Rimini anche per la terza rata c'è LINKMATE a disposizione dei contribuenti

Tari 2017, a Rimini anche per la terza rata c'è LINKMATE a disposizione dei contribuenti

28 Novembre 2017

A Rimini c'è tempo fino a giovedì 30 novembre per effettuare il versamento della terza rata della Tari 2017....

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

17 Novembre 2017

Il pagamento online del saldo Imu e Tasi 2017 sul portale del Comune di Milano, semplicemente con l'utilizzo di...

Notizie

L'IFEL (Istituto per la Finanza e l'Economia Locale) ha pubblicato una nota con i commenti all’AC 2915 di conversione del Decreto legge n. 4 del 24 gennaio 2015 contenente “Misure urgenti in materia di esenzione IMU. Proroga dei termini concernenti l’esercizio della delega in materia di revisione del sistema fiscale”, con le modifiche apportate dal Senato della Repubblica.

Tutti i contribuenti titolari di terreni soggetti al pagamento dell'IMU entro il 10 febbraio 2015 a breve, probabilmente, avranno la possibilità di regolarizzare la propria posizione pagando quanto avrebbero dovuto entro il 31 marzo senza sanzioni e interessi. E' questa una delle modifiche introdotte in Senato al dl n.4/2015 che a causa di tempi brevi, non verrà toccato dalla Camera.

Sull'edizione odierna de Il Sole 24 Ore l'Anutel (Associazione Nazionale Uffici Tributi Enti Locali) ha pubblicato la nota inviata al MEF in cui richiede, a seguito dei numerosi quesiti che gli sono giunti da parte dei Comuni, un "modello unico" ad hoc da seguire per la predisposizione della Dichiarazione Tasi che ad oggi ancora manca.

Il Tar del Lazio con l’ordinanza n. 3770/2015 depositata il 5 marzo, ha accolto il ricorso dell'Anci Lazio e di 38 Comuni con cui si impugnava la classificazione Istat (ovvero il criterio definito dal decreto legge n. 4 del 24 gennaio 2015) per stabilire chi è esente e chi non lo è relativamente all’Imu terreni agricoli

Nuovo Ravvedimento Operoso: I chiarimenti nella Circolare n. 6/E del 19 febbraio 2015 dell'Agenzia delle Entrate avente ad oggetto: "Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum Italia Oggi, Telefisco Sole 24ore e Forum lavoro".

La Corte di Cassazione con la sentenza n.3166 del 18 Febbraio 2015 ha stabilito che i macchinari industriali sono soggetti a imposizione fiscale e, quindi al pagamento dei tributi comunali, Ici, Imu e Tasi.

Con 132 voti a favore e 83 astenuti è arrivato il primo via libera dal Parlamento per il decreto sull'IMU agricola. Le due grandi novità introdotte riguardano la possibilità di rimborso per i contribuenti

Dal 2016 entrerà in vigore la Local Tax che perseguirà l'obiettivo di non aumentare nel complesso la pressione fiscale sui contribuenti. Sono queste le parole pronunciate dal Ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan durante il question time tenuto alla Camera il 4 Marzo.

Rimborsi per i contribuenti. E' quanto stabilito da un emendamento al dl 4/2015 approvato in commissione finanze al Senato secondo cui a coloro che hanno effettuato versamenti IMU sui terreni agricoli.

Il Milleproroghe è ufficialmente diventato legge con 156 voti a favore, 78 contrari e un astenuto. Il via libera dal Senato è arrivato senza particolari novità rispetto alle previsioni adottate il 16 febbraio scorso. In materia tributaria le disposizione di maggior rilievo sono sicuramente la proroga dell'IMUS e la disciplina sulla validità dei regolamenti e delle tariffe in materia di Tassa sui rifiuti (TARI) per l'anno 2014.

Il Sole 24 Ore ha pubblicato un interessante articolo relativo al problema che sussiste nell'identificare le modalità con cui il contribuente può ricorrere all'istituto del ravvedimento operoso con l'entrata prima della Tares e poi della Tari.

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.