Ultime notizie

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

17 Novembre 2017

Il pagamento online del saldo Imu e Tasi 2017 sul portale del Comune di Milano, semplicemente con l'utilizzo di...

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

17 Novembre 2017

E' prevista per il prossimo 18 dicembre la scadenza della seconda rata di IMU e TASI 2017. Lo rende...

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

07 Novembre 2017

Le transazioni con PagoPA hanno superato la quota dei 4 milioni. Lo ha annunciato Diego Piacentini, commissario straordinario per...

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

30 Ottobre 2017

I fabbricati collabenti, iscritti in catasto nella categoria F2, senza attribuzione di rendita, non sono soggetti al pagamento dell’Imu...

Il giorno 25 Marzo 2015 il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha emanato la risoluzione n.3/DF in cui ha fornito dei chiarimenti relativi al modello di dichiarazione sul tributo per i servizi indivibili (TASI).

Il Direttore Generale delle Finanze Fabrizia Pecorella si è sentita in dovere di rispondere ai numerosi quesiti che le sono pervenuti nei quali si segnalava che sempre più Comuni stanno adottando dei propri modelli per la dichiarazione della TASI. «Tale scelta avrebbe costretto i contribuenti soprattutto i proprietari di immobili dislocati in più comuni, a doversi informare presso ciascun comune circa l’adozione di eventuali modelli di dichiarazione e, in caso positivo, ad adattare le proprie procedure in relazione alle varie modalità di compilazione richieste nei diversi modelli" si legge nella risoluzione, che poi precisa ulteriormente: "In tal modo risultava impossibile predisporre una procedura e un software unici per assolvere gli obblighi dichiarativi».

«Pertanto, al fine di superare tale criticità, è stata rappresentata la necessità di poter disporre di un unico modello di dichiarazione valevole per l’intero territorio nazionale. Al riguardo, esaminata la fattispecie, si ritiene che, dalla lettura delle norme che disciplinano la TASI, emerge che il modello di dichiarazione deve essere approvato con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze».

RISOLUZIONE N. 3/DF del MEF (clicca qui per scaricare il testo completo)

Leggi anche:

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.