Ultime notizie

IMU E TASI 2018, IL RAVVEDIMENTO E’ ALLA PORTATA DI TUTTI I CONTRIBUENTI CON CALCOLOIUC

IMU E TASI 2018, IL RAVVEDIMENTO E’ ALLA PORTATA DI TUTTI I CONTRIBUENTI CON CALCOLOIUC

19 Giugno 2018

Avete dimenticato di effettuare il versamento dell’acconto Imu e Tasi entro la scadenza del 18 giugno? Potrete rimediare subito...

BERGAMO, LA TARI SI PAGA SU LINKMATE

BERGAMO, LA TARI SI PAGA SU LINKMATE

11 Giugno 2018

I contribuenti bergamaschi hanno la possibilità di pagare la Tari online accedendo a LINKmate sul portale del Comune. Lo...

NAPOLI, I TRIBUTI LOCALI SI PAGANO ONLINE CON CARTA DI CREDITO

NAPOLI, I TRIBUTI LOCALI SI PAGANO ONLINE CON CARTA DI CREDITO

10 Giugno 2018

I contribuenti napoletani possono pagare online Imu, Tasi e Tari semplicemente con l’utilizzo di una carta di credito.Tassa sui...

IMU E TASI, ECCO IL VADEMECUM PER L’ACCONTO

IMU E TASI, ECCO IL VADEMECUM PER L’ACCONTO

10 Giugno 2018

Per calcolare l’importo dell’acconto di Imu e Tasi i contribuenti possono usufruire di CALCOLOIUC2018, il software di Advanced Systems.Tassa...

Con 132 voti a favore e 83 astenuti è arrivato il primo via libera dal Parlamento per il decreto sull'IMU agricola. Le due grandi novità introdotte riguardano la possibilità di rimborso per i contribuenti

In caso di pagamenti errati per l'anno 2014 e la possibilità di prevedere, dal 2015, una detrazione da 200 euro per i coltivatori diretti proprietari di terreni situati in quei Comuni che erano prima esenti e ora non più. Prevista anche l'esenzione per le "piccole isole" come Ischia, le Eolie, Pantelleria e le isole pontine.

Il Sole 24 Ore mette in evidenza come sui terreni agricoli è andato tutto come previsto, gli emendamenti sono stati approvati nonostante l'opposizione di Forza Italia, Lega e M5S che hanno provato ad abolire completamente l'imposta sui terreni. Tra di essi il più importante è sicuramente il diritto al rimborso per i contribuenti che hanno pagato l'Imu 2014 sui terreni in base al criterio altimetrico presente nel Decreto Interministeriale di novembre e poi successivamente superato dal decreto 4/2015.

"Questo diritto, in realtà, già esiste" mette pero' in evidenza il noto quotidiano economico "proprio perché le regole definitive sono quelle previste dal decreto 4/2015, che impongono il pagamento generalizzato dell'Imu sui terreni nei Comuni «non montani» e nei Comuni «parzialmente montani» lo riservano ai proprietari che non hanno la qualifica di coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali. L'emendamento, dunque, si limita a fare chiarezza evitando il rischio di contenziosi, ma non impone il rimborso d'ufficio per cui i contribuenti interessati dovranno fare richiesta, secondo le regole ordinarie".

Nel testo approvato in Senato è entrata anche un'altra importante novità, "la collina svantaggiata", una detrazione da 200 euro che dal 2015 sarà prevista per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli proprietari di terreni localizzati nei Comuni dove in base alle regole previste prima della riforma attuata era presente l'esenzione Imu ed ora è invece non è più prevista a seguito del nuovo quadro normativo istituito.

Leggi anche:

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.