Ultime notizie

IMU E TASI, CON CALCOLOIUC2019 C'E' IL RAVVEDIMENTO PER I RITARDATARI

IMU E TASI, CON CALCOLOIUC2019 C'E' IL RAVVEDIMENTO PER I RITARDATARI

19 Giugno 2019

Se non avete effettuato il versamento dell’acconto Imue Tasi entro la scadenza del 17 giugno, potete rimediare utilizzando CALCOLOIUC2019. ...

IMU E TASI, ECCO IL VADEMECUM PER L’ACCONTO DEL 17 GIUGNO

IMU E TASI, ECCO IL VADEMECUM PER L’ACCONTO DEL 17 GIUGNO

16 Giugno 2019

La scadenza dei termini per il versamento dell’acconto Imu e Tasi è fissata per lunedì 17 giugno 2019.Tassa sui...

POMIGLIANO D’ARCO, L’ASSESSORE AL BILANCIO CAPRIOLI: “CON PAGOF24 FACILITIAMO I PAGAMENTI E VELOCIZZIAMO LA MACCHINA COMUNALE”

POMIGLIANO D’ARCO, L’ASSESSORE AL BILANCIO CAPRIOLI: “CON PAGOF24 FACILITIAMO I PAGAMENTI E VELOCIZZIAMO LA MACCHINA COMUNALE”

13 Giugno 2019

L’assessore al Bilancio del Comune di Pomigliano d’Arco Vincenzo Caprioli commenta la recente introduzione del software PagoF24, che consente...

IMU E TASI, A POMIGLIANO D’ARCO SI PAGANO ONLINE CON CARTA DI CREDITO

IMU E TASI, A POMIGLIANO D’ARCO SI PAGANO ONLINE CON CARTA DI CREDITO

12 Giugno 2019

A Pomigliano d’Arco l’Imu e la Tasi si possono pagare anche online, già da oggi, con carta di credito...

Da 900.000 transazioni nel 2016 ad oltre 14 milioni nel solo 2018, con un incasso totale che oggi supera i 4 miliardi di euro. Il sistema PagoPA cresce ad un ritmo vertiginoso grazie al consenso di cittadini e imprese, attratti dalla semplicità dei pagamenti, ed all’adesione crescente delle pubbliche amministrazioni. La piattaforma per i pagamenti alla PA si sta trasformando progressivamente in uno strumento fondamentale per la digitalizzazione dei pagamenti. Dai dati pubblicati sul portale dedicato all’avanzamento digitale e gestito dall’Agid, si evince che da ottobre 2015- data di attivazione del servizio- ad oggi sono state oltre 28 milioni le transazioni sulla piattaforma, con i pagamenti andati a buon fine che superano i 23 milioni, per un totale incassato pari a 4 miliardi 161milioni di euro. Gli enti pubblici e i gestori di pubblici servizi che hanno aderito formalmente a PagoPA sono in tutto 17.352. Ma le pubbliche amministrazioni che hanno concluso la procedura di attivazione e sono quindi operative sul sistema sono 14.237. Tuttavia gli enti per i quali almeno un pagamento è andato a buon fine sono 3.352. Dal report pubblicato si rileva, inoltre, che sono poco più di 400 i prestatori di servizi di pagamento (Psp), ossia i soggetti privati quali banche, poste, istituti di pagamento, che forniscono servizi abilitati per l’utilizzo della piattaforma informatica e che aderiscono al sistema PagoPA per erogare servizi di pagamento ai propri clienti, sia cittadini che imprese. Per i Comuni il sistema determina un consistente risparmio e una maggiore efficienza delle entrate, da cui è scaturito talvolta, come per la Tari, un aumento automatico del gettito per alcuni enti grazie alla semplificazione del pagamento. Per il cittadino e per le imprese PagoPA consente di avere una maggiore certezza del buon esito dei pagamenti. Grazie alla piattaforma si possono effettuare i versamenti direttamente sul sito o sull’app dell’ente di riferimento o attraverso i canali, online e fisici, dei prestatori di servizi di pagamento. E’ possibile pagare tributi, tasse, utenze, rette, quote associative, bolli verso le pubbliche amministrazioni centrali e locali, ma anche verso altri soggetti, come le aziende a partecipazione pubblica, le scuole, le università, le ASL. Tra i Comuni più attivi sul fronte di PagoPA, si segnalano Verona, con circa 20.000 versamenti per un totale di oltre 5 milioni di euro, o Gallarate con oltre 9.000 pagamenti ed il bonus a beneficio dei cittadini che pagano la Tari con il sistema.

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.