Ultime notizie

IL COMUNE DI TARANTO HA ATTIVATO LINKMATE

IL COMUNE DI TARANTO HA ATTIVATO LINKMATE

02 Luglio 2019

Il Comune di Taranto punta sull’innovazione tecnologica. La digitalizzazione dei tributi locali è un imperativo categorico per l’amministrazione comunale,...

IMU E TASI, CON CALCOLOIUC2019 C'E' IL RAVVEDIMENTO PER I RITARDATARI

IMU E TASI, CON CALCOLOIUC2019 C'E' IL RAVVEDIMENTO PER I RITARDATARI

19 Giugno 2019

Se non avete effettuato il versamento dell’acconto Imue Tasi entro la scadenza del 17 giugno, potete rimediare utilizzando CALCOLOIUC2019. 

IMU E TASI, ECCO IL VADEMECUM PER L’ACCONTO DEL 17 GIUGNO

IMU E TASI, ECCO IL VADEMECUM PER L’ACCONTO DEL 17 GIUGNO

16 Giugno 2019

La scadenza dei termini per il versamento dell’acconto Imu e Tasi è fissata per lunedì 17 giugno 2019.Tassa sui...

POMIGLIANO D’ARCO, L’ASSESSORE AL BILANCIO CAPRIOLI: “CON PAGOF24 FACILITIAMO I PAGAMENTI E VELOCIZZIAMO LA MACCHINA COMUNALE”

POMIGLIANO D’ARCO, L’ASSESSORE AL BILANCIO CAPRIOLI: “CON PAGOF24 FACILITIAMO I PAGAMENTI E VELOCIZZIAMO LA MACCHINA COMUNALE”

13 Giugno 2019

L’assessore al Bilancio del Comune di Pomigliano d’Arco Vincenzo Caprioli commenta la recente introduzione del software PagoF24, che consente...

La Dichiarazione IMU deve essere presentata dai soggetti passivi al Comune in cui sono ubicati gli immobili entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui il possesso o detenzione degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione del tributo. Da oggi è possibile utilizzare su Riscotel, per l'anno 2014, la versione del modello editabile che deve essere presentato entro il 30/06/2015.
 
La dichiarazione deve essere presentata una sola volta ed ha effetto anche per gli anni successivi a meno che non si verifichino modificazioni dei dati e/o degli elementi dichiarati rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta dovuta.
 
In genere la Dichiarazione IMU deve essere presentata per gli immobili che godono di riduzioni d'imposta (es. fabbricati di interesse storico o artistico, fabbricati per i quali il Comune ha deliberato riduzioni di aliquota, fabbricati inagibili, ecc..) e nei casi in cui il Comune non sia in possesso delle informazioni necessarie per verificare l'imposta (immobili esenti, riunione di usufrutto non dichiarata in catasto, fabbricati in leasing, ecc...).
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.