Ultime notizie

ADVANCED SYSTEMS DIVENTA UFFICIALMENTE FORNITORE DI SERVIZI CLOUD PER LA PA

ADVANCED SYSTEMS DIVENTA UFFICIALMENTE FORNITORE DI SERVIZI CLOUD PER LA PA

21 Marzo 2019

A partire dal 1° aprile 2019 le pubbliche amministrazioni potranno acquisire esclusivamente servizi IaaS (infrastructure as a service), PaaS...

GALLARATE, ARRIVA LA DOMICILIAZIONE DELLA TARI PER GLI ISCRITTI A LINKMATE

GALLARATE, ARRIVA LA DOMICILIAZIONE DELLA TARI PER GLI ISCRITTI A LINKMATE

14 Marzo 2019

Il Comune di Gallarate ha comunicato ufficialmente ai cittadini che hanno la possibilità di attivare la domiciliazione della Tari...

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI ANGRI FRANCESCO FERRAIOLI: “CON  LINKMATE STIAMO DIMEZZANDO L’EVASIONE”

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI ANGRI FRANCESCO FERRAIOLI: “CON LINKMATE STIAMO DIMEZZANDO L’EVASIONE”

11 Marzo 2019

“Grazie alla nuova banca dati dei contribuenti Tari su LINKmate siamo riusciti a ridurre l’evasione sul tributo del 23%...

IL SINDACO DI ANGRI COSIMO FERRAIOLI: “LINKMATE AIUTA I CITTADINI E SEMPLIFICA IL PAGAMENTO DEI TRIBUTI”

IL SINDACO DI ANGRI COSIMO FERRAIOLI: “LINKMATE AIUTA I CITTADINI E SEMPLIFICA IL PAGAMENTO DEI TRIBUTI”

05 Marzo 2019

Il Comune di Angri ha attivato LINKMATE.Tassa sui Servizi IndivisibiliTassa sui RifiutiImposta Municipale Unica

La mancata conferma del blocco degli aumenti dei tributi locali sembra destinata a ripercuotersi soprattutto sul mattone. Per molti proprietari di seconde case, di negozi o alberghi è molto probabile l’incremento delle aliquote rispetto agli anni precedenti. Da quest’anno i Comuni potranno innalzarle nuovamente, dopo il blocco degli aumenti fissato dal 2016 al 2018. L’inasprimento della pressione fiscale sugli immobili riguarderà in ogni caso solo i Comuni che non avevano già raggiunto negli anni scorsi le soglie massime previste dalle normative. Per le seconde case, ad esempio, sono 1665 i Comuni che avevano già fissato l’aliquota massima del 10,6 per mille e che non potranno incrementarle ancora. Un gruppo di Comuni che comprende, tra gli altri, anzitutto le grandi città.

Per tutti gli altri municipi italiani- quasi l’80% del totale dei Comuni- ci sarà la possibilità di ritoccare le aliquote nel 2019. Una possibilità tanto più concreta, in considerazione dei robusti tagli che hanno coinvolto le amministrazioni locali. Tra questi, il taglio del Fondo Imu-Tasi, calato a 190 milioni di euro, rispetto ai 300 del 2018. Il rischio degli aumenti delle aliquote Imu riguarda anzitutto i Comuni medi e piccoli.

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.