Ultime notizie

IMU E TASI, CON CALCOLOIUC2019 C'E' IL RAVVEDIMENTO PER I RITARDATARI

IMU E TASI, CON CALCOLOIUC2019 C'E' IL RAVVEDIMENTO PER I RITARDATARI

19 Giugno 2019

Se non avete effettuato il versamento dell’acconto Imue Tasi entro la scadenza del 17 giugno, potete rimediare utilizzando CALCOLOIUC2019. ...

IMU E TASI, ECCO IL VADEMECUM PER L’ACCONTO DEL 17 GIUGNO

IMU E TASI, ECCO IL VADEMECUM PER L’ACCONTO DEL 17 GIUGNO

16 Giugno 2019

La scadenza dei termini per il versamento dell’acconto Imu e Tasi è fissata per lunedì 17 giugno 2019.Tassa sui...

POMIGLIANO D’ARCO, L’ASSESSORE AL BILANCIO CAPRIOLI: “CON PAGOF24 FACILITIAMO I PAGAMENTI E VELOCIZZIAMO LA MACCHINA COMUNALE”

POMIGLIANO D’ARCO, L’ASSESSORE AL BILANCIO CAPRIOLI: “CON PAGOF24 FACILITIAMO I PAGAMENTI E VELOCIZZIAMO LA MACCHINA COMUNALE”

13 Giugno 2019

L’assessore al Bilancio del Comune di Pomigliano d’Arco Vincenzo Caprioli commenta la recente introduzione del software PagoF24, che consente...

IMU E TASI, A POMIGLIANO D’ARCO SI PAGANO ONLINE CON CARTA DI CREDITO

IMU E TASI, A POMIGLIANO D’ARCO SI PAGANO ONLINE CON CARTA DI CREDITO

12 Giugno 2019

A Pomigliano d’Arco l’Imu e la Tasi si possono pagare anche online, già da oggi, con carta di credito...

L’esonero dal pagamento dell’Imu scatta solo nei casi in il proprietario dimora abitualmente e risiede anagraficamente nell’immobile che dichiara di utilizzare come abitazione principale. Una sentenza della commissione tributaria provinciale di Sondrio ha ribadito uno dei pilastri della normativa Imu. Per i giudici deve pagare l’Imu un contribuente che, pur avendo stabilito la propria dimora abituale in un immobile di proprietà, non vi risiede anagraficamente insieme con il proprio nucleo familiare. Secondo i giudici di primo grado è errata la tesi del contribuente secondo cui l’esenzione Imu gli spetterebbe, perché quello che occorre per qualificare l’immobile come ”abitazione principale” è la residenza “di fatto” e non quella anagrafica. L’esenzione Imu, invece, scatta nel caso in cui il contribuente sia titolare di diritto reale sul bene, vi dimori abitualmente e vi risieda anagraficamente con il proprio nucleo familiare. Negli anni oggetto di contestazione, la ricorrente risulta avere la residenza anagrafica, insieme ai propri figli, nell’immobile dei genitori. Perciò, per i giudici, la pretesa del pagamento dell’Imu è fondata.

 

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.