Ultime notizie

BERGAMO, LEADER IN ITALIA NELLA LOTTA ALL’EVASIONE GRAZIE A LINKMATE ED AI PAGAMENTI ELETTRONICI

BERGAMO, LEADER IN ITALIA NELLA LOTTA ALL’EVASIONE GRAZIE A LINKMATE ED AI PAGAMENTI ELETTRONICI

09 Ottobre 2018

Il Comune di Bergamo è al primo posto in Italia nella lotta all’evasione.Tassa sui Servizi IndivisibiliImposta Municipale UnicaModello F24...

TRIBUTI LOCALI, LA GESTIONE DA PARTE DEI CONCESSIONARI E’ LEGITTIMA

TRIBUTI LOCALI, LA GESTIONE DA PARTE DEI CONCESSIONARI E’ LEGITTIMA

08 Ottobre 2018

La gestione dell’accertamento, liquidazione e riscossione dei tributi locali da parte del concessionario, invece che da parte del Comune,...

LECCO, GLI AVVISI TARI SONO SU LINKMATE

LECCO, GLI AVVISI TARI SONO SU LINKMATE

24 Settembre 2018

Per i contribuenti di Lecco si avvicina la scadenza della seconda rata della Tari. E l’amministrazione comunale ricorda agli...

IMU, LA RESIDENZA “DI FATTO” NON ESONERA DAL PAGAMENTO

IMU, LA RESIDENZA “DI FATTO” NON ESONERA DAL PAGAMENTO

21 Settembre 2018

L’esonero dal pagamento dell’Imu scatta solo nei casi in il proprietario dimora abitualmente e risiede anagraficamente nell’immobile che dichiara...

Mercoledì 18 luglio 2018 sarà l’ultima occasione per usufruire della sanzione pari all’1,5% dell’imposta dovuta- con il cosiddetto ravvedimento breve- in caso di mancato pagamento dell’acconto Imu e Tasi 2018.

Gli stessi contribuenti possono effettuare il calcolo con CALCOLOIUC2018, con cui potranno stampare subito l’F24 utile per effettuare il versamento. Sul software è disponibile la funzione ravvedimento che sarà applicata in automatico sul calcolo. Il software calcolerà automaticamente l’importo dell’acconto- comprensivo della sanzione- aggiornato alla data del pagamento. Con CALCOLOIUC i contribuenti hanno anche la possibilità- qualora lo ritengano opportuno- di calcolare l’importo per un’altra data, in vista di un pagamento dilazionato.

Dopo il 18 luglio ci saranno altre possibilità di ravvedimento ma le sanzioni aumenteranno. La sanzione sarà pari a 1,67% del tributo non versato per i pagamenti effettuati tra il 19 luglio ed il 17 settembre 2018 (ravvedimento medio). La sanzione sarà pari al 3,75% del tributo non versato per i versamenti effettuati tra 18 settembre 2018 ed il 1° luglio 2019 (ravvedimento lungo).       

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.