Ultime notizie

IMMOBILI STRUMENTALI, LA DEDUCIBILITA’ IMU PASSA DAL 20% AL 40%

IMMOBILI STRUMENTALI, LA DEDUCIBILITA’ IMU PASSA DAL 20% AL 40%

16 Gennaio 2019

Dal 2019 l’Imu che imprese e professionisti versano sugli immobili strumentali è deducibile dalle imposte sui redditi in misura...

IMU E TASI, RISCHIO AUMENTI IN MOLTI COMUNI DAL 2019

IMU E TASI, RISCHIO AUMENTI IN MOLTI COMUNI DAL 2019

06 Gennaio 2019

La mancata conferma del blocco degli aumenti dei tributi locali sembra destinata a ripercuotersi soprattutto sul mattone.Imposta Municipale Unica

TRIBUTI LOCALI, VIA IL BLOCCO DEGLI AUMENTI

TRIBUTI LOCALI, VIA IL BLOCCO DEGLI AUMENTI

27 Dicembre 2018

Dal 2019 il blocco degli aumenti di imposte e tasse locali non sarà più applicato.Imposta Municipale Unica

FALCONARA MARITTIMA, LINKMATE TRA I SERVIZI PRESENTATI DAL COMUNE NELLA GIORNATA DELLA TRASPARENZA

FALCONARA MARITTIMA, LINKMATE TRA I SERVIZI PRESENTATI DAL COMUNE NELLA GIORNATA DELLA TRASPARENZA

18 Dicembre 2018

Duecentomila visite al portale web del Comune ed oltre 4mila follower alla pagina Facebook, fino agli strumenti dedicati a...

Entro lunedì 2 luglio i contribuenti che nel corso del 2017 sono entrati in possesso di immobili dovranno presentare la dichiarazione Imu. La dichiarazione va presentata anche nel caso in cui, in un immobile, siano intervenute variazioni rilevanti per la determinazione dell’Imu.

“I soggetti passivi- si legge nel decreto legislativo 201 del 2011- devono presentare la dichiarazione entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta”. Per il 2018 il termine è slittato al 2 luglio, in quanto il 30 giugno cade di sabato.

La dichiarazione Imu genera un nuovo obbligo contributivo nel caso in cui siano intervenute “variazioni” sugli immobili non evidenziate nella dichiarazione già presentata o non conoscibili dal Comune (come ad esempio gli immobili concessi in locazione finanziaria). Oppure ancora incidenti sull’ammontare dell’imposta dovuta a seguito, ad esempio, della riduzione dell’aliquota applicabile all’immobile in base alle nuove caratteristiche dello stesso immobile (inagibili, fabbricati di interesse storico o artistico). A questa casistica occorre aggiungere anche le agevolazioni introdotte nel 2016, relative alle abitazioni date in comodato a parenti e agli alloggi locati a canone concordato.

Il contribuente dovrà compilare il modello approvato con decreto ministeriale del 30 ottobre 2012, composto dal frontespizio- in cui saranno indicati i dati identificativi dello stesso contribuente- e dal quadro descrittivo dell’immobile che riporterà la tipologia, l’indirizzo, i dati catastali, il valore, la quota di possesso, l’eventuale esistenza di cause di riduzione o esenzione da Imu, la data dalla quale è iniziato il possesso dell’immobile o in cui si sono determinate le variazioni che hanno reso necessaria la presentazione della dichiarazione.

La dichiarazione dovrà essere presentata al Comune in cui si trova l’immobile utilizzando una delle seguenti modalità: consegna a mano, raccomandata senza ricevuta di ritorno in busta chiusa con l’indicazione “dichiarazione Imu” oppure telematica con posta elettronica certificata.   

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.