Ultime notizie

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

17 Novembre 2017

Il pagamento online del saldo Imu e Tasi 2017 sul portale del Comune di Milano, semplicemente con l'utilizzo di...

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

17 Novembre 2017

E' prevista per il prossimo 18 dicembre la scadenza della seconda rata di IMU e TASI 2017. Lo rende...

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

07 Novembre 2017

Le transazioni con PagoPA hanno superato la quota dei 4 milioni. Lo ha annunciato Diego Piacentini, commissario straordinario per...

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

30 Ottobre 2017

I fabbricati collabenti, iscritti in catasto nella categoria F2, senza attribuzione di rendita, non sono soggetti al pagamento dell’Imu...

Si fa sempre più concreta l'ipotesi secondo cui gli eventuali ritardi nel pagamento dell' IMU sui terreni agricola non dovranno essere sanzionati.

 

E' ItaliaOggi a rilevarlo nella sua edizione odierna. Secondo il noto quotidiano economico un emendamento in tal senso potrebbe ben presto essere depositato in commissione finanze del Senato dove è in esame il decreto legge n.4/2015 relativo alle misure urgenti in materia di esenzione IMU.

Favorevole a tale soluzione è anche l'Anci che in sede di conversione del dl 4/2015 non solo chiede l'inserimento di "opportune modalità di verifica del gettito e di eventuale compensazione dei minori importi che ne potranno risultare", ma anche la possibilità di prevedere che per alcuni mesi dopo la deadline del 10 febbraio non siano applicati interessi e sanzioni per i ritardati o erronei versamenti dell'Imu agricola.

Il motivo principale esposto dall'Associazione Nazionale Comuni Italiani sarebbero stati i tempi stretti fissati per il versamento (solo il 24 gennaio è stato pubblicato in gazzetta ufficiale il decreto che sposta la data di pagamento al 10 febbraio) e le connesse difficoltà di assicurare un'adeguata pubblicità dei nuovi obblighi tributari.

Leggi anche:

 

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.