Ultime notizie

IMU E TASI, RAVVEDIMENTO CON SANZIONI ALL’1,5% FINO AL 18 LUGLIO

IMU E TASI, RAVVEDIMENTO CON SANZIONI ALL’1,5% FINO AL 18 LUGLIO

17 Luglio 2018

Mercoledì 18 luglio 2018 sarà l’ultima occasione per usufruire della sanzione pari all’1,5% dell’imposta dovuta- con il cosiddetto ravvedimento...

NAPOLI, LA DICHIARAZIONE TARI ORA SI PUO’ FARE ONLINE

NAPOLI, LA DICHIARAZIONE TARI ORA SI PUO’ FARE ONLINE

10 Luglio 2018

I contribuenti napoletani possono effettuare la dichiarazione Tari online tramite LINKmate senza recarsi all’Ufficio Tributi.Tassa sui Servizi IndivisibiliTassa sui...

L’ASSESSORE DEL COMUNE DI GENOVA PAOLA BORDILLI: “TOURIST TAX SEMPLIFICA IL NOSTRO LAVORO”

L’ASSESSORE DEL COMUNE DI GENOVA PAOLA BORDILLI: “TOURIST TAX SEMPLIFICA IL NOSTRO LAVORO”

09 Luglio 2018

Il Comune di Genova ha scelto Tourist TAX. Il software di Advanced Systems è già a disposizione di oltre...

IMU, DICHIARAZIONE ENTRO IL 2 LUGLIO PER I NUOVI PROPRIETARI

IMU, DICHIARAZIONE ENTRO IL 2 LUGLIO PER I NUOVI PROPRIETARI

01 Luglio 2018

Entro lunedì 2 luglio i contribuenti che nel corso del 2017 sono entrati in possesso di immobili dovranno presentare...

Si fa sempre più concreta l'ipotesi secondo cui gli eventuali ritardi nel pagamento dell' IMU sui terreni agricola non dovranno essere sanzionati.

 

E' ItaliaOggi a rilevarlo nella sua edizione odierna. Secondo il noto quotidiano economico un emendamento in tal senso potrebbe ben presto essere depositato in commissione finanze del Senato dove è in esame il decreto legge n.4/2015 relativo alle misure urgenti in materia di esenzione IMU.

Favorevole a tale soluzione è anche l'Anci che in sede di conversione del dl 4/2015 non solo chiede l'inserimento di "opportune modalità di verifica del gettito e di eventuale compensazione dei minori importi che ne potranno risultare", ma anche la possibilità di prevedere che per alcuni mesi dopo la deadline del 10 febbraio non siano applicati interessi e sanzioni per i ritardati o erronei versamenti dell'Imu agricola.

Il motivo principale esposto dall'Associazione Nazionale Comuni Italiani sarebbero stati i tempi stretti fissati per il versamento (solo il 24 gennaio è stato pubblicato in gazzetta ufficiale il decreto che sposta la data di pagamento al 10 febbraio) e le connesse difficoltà di assicurare un'adeguata pubblicità dei nuovi obblighi tributari.

Leggi anche:

 

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.