Ultime notizie

CESENA, PER GLI AVVISI TARI C’E’ LINKMATE A DISPOSIZIONE DEI CONTRIBUENTI

CESENA, PER GLI AVVISI TARI C’E’ LINKMATE A DISPOSIZIONE DEI CONTRIBUENTI

26 Luglio 2019

I contribuenti cesenati che non sono ancora in possesso del modello F24 per il pagamento della Tari possono rimediare...

PAGOPA, IL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA MEDIA PIANURA BERGAMASCA NELLA TOP TEN DEGLI ENTI CREDITORI

PAGOPA, IL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA MEDIA PIANURA BERGAMASCA NELLA TOP TEN DEGLI ENTI CREDITORI

24 Luglio 2019

Il progetto PagoPA ha fatto registrare una crescita vertiginosa negli ultimi 12 mesi.Tassa sui Servizi IndivisibiliTassa sui RifiutiImposta Municipale...

PULSANO, I TRIBUTI SONO A PORTATA DI CLICK CON LINKMATE E PAGOPA

PULSANO, I TRIBUTI SONO A PORTATA DI CLICK CON LINKMATE E PAGOPA

23 Luglio 2019

“Oggi abbiamo ricevuto per la prima volta un pagamento con PagoPA da parte di un contribuente. Si tratta di...

LINKMATE, QUASI 3000 ISCRIZIONI IN POCHI GIORNI A TARANTO

LINKMATE, QUASI 3000 ISCRIZIONI IN POCHI GIORNI A TARANTO

22 Luglio 2019

Ai contribuenti tarantini piace Linkmate. Dopo 2 settimane dalla sua attivazione, lo sportello telematico ha fatto registrare già un...

Il pagamento online del saldo Imu e Tasi 2017 sul portale del Comune di Milano, semplicemente con l'utilizzo di una carta di credito e senza nessun costo di commissione. E' una possibilità offerta ai milanesi da Advanced Systems, nata dalla collaborazione con Intesa Sanpaolo.

Per i contribuenti milanesi il pagamento online dell'F24 di Imu e Tasi sarà un'operazione semplicissima, da effettuare con pochi clic.

Dopo aver calcolato l'importo delle imposte sugli immobili, grazie al software CALCOLOIUC2017 di Advanced Systems- già attivo sul sito dell'ente- ed aver prodotto l'F24, i contribuenti potranno pagare IMU e TASI. Basterà collegarsi al portale del Comune di Milano ed entrare nella sezione “Servizi online”. Subito dopo si aprirà la finestra di CALCOLOIUC2017. In questo modo i contribuenti potranno calcolare l'importo di Imu e Tasi, e poi potranno produrre e salvare l'F24.

Il calcolo di Imu e Tasi viene realizzato già da tempo sul portale del Comune di Milano ma da oggi c'è una novità. I contribuenti possono completare l'operazione con il pagamento dell'F24. Basterà cliccare su “pagaF24 online” e da questo momento si attiverà il processo di pagamento con l'inserimento dei dati anagrafici.

Dopo aver verificato il riepilogo dell'F24 ed aver inserito le informazioni necessarie per il pagamento, il contribuente cliccherà su “effettua il pagamento” e poi entrerà nella pagina di IntesaSanPaolo. In questa pagina il contribuente visualizzerà le carte di pagamento utilizzabili, tutte senza commissioni. L'operazione proseguirà con l'inserimento dei dati della carta scelta dallo stesso contribuente. Infine apparirà una schermata che comunicherà il buon esito dell'operazione. Il contribuente potrà scaricare l'F24 appena pagato.

Successivamente, nella casella di posta elettronica, indicata dal contribuente in occasione dell'inserimento dei suoi dati anagrafici, arriveranno tre e-mail di notifica. La prima dalla SETEFI, all'atto del pagamento, che attesta “l'addebito su carta”. La seconda da IntesaSanpaolo che attesterà la presa in carico della delega del pagamento. La terza e-mail, infine, arriverà entro 48 ore al contribuente dall'Agenzia delle Entrate con la quietanza di versamento. Il pagamento dell'F24 direttamente sul portale comunale è una novità introdotta da Advanced Systems e Intesa San Paolo per semplificare al massimo l'operazione ed anche per evitare gli errori che oggi vengono talvolta commessi dai contribuenti con l'F24 su home banking. In quest'ultimo caso i contribuenti devono prima effettuare il calcolo, poi produrre e stampare l'F24 e infine entrare sul sito di un istituto di credito per portare a termine il versamento. Sul sito della banca gli stessi contribuenti devono quindi compilare l'F24 e quest'operazione comporta in alcuni casi degli errori nell'inserimento dei dati, con la conseguenza che il pagamento non va a buon fine. Il caso più frequente è, ad esempio, quello dell'errata digitazione del codice del Comune da beneficiare cosicché l'importo versato dal contribuente finisce nelle casse di un ente sbagliato. Ed allo stesso contribuente arriverà poi l'avviso dell'accertamento da parte dell'ente che avrebbe dovuto essere accreditato. Il contribuente “distratto”, inoltre, dovrà poi sottoporsi ad una lunga e complessa trafila per ottenere il rimborso dall'ente accreditato senza averne titolo. Con il nuovo sistema di pagamento presente sul portale del Comune di Milano gli errori non si verificheranno- o saranno ridotti al minimo- perché l'F24 sarà già prodotto dopo il calcolo e il contribuente dovrà solo effettuare il versamento con la carta di pagamento. Sarà sufficiente disporre di una delle carte di pagamento utilizzabili sulla pagina web di IntesaSanPaolo. 

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.