Ultime notizie

PAGOPA, 28 MILIONI DI TRANSAZIONI IN POCO PIU’ DI 3 ANNI

PAGOPA, 28 MILIONI DI TRANSAZIONI IN POCO PIU’ DI 3 ANNI

25 Marzo 2019

Da 900.000 transazioni nel 2016 ad oltre 14 milioni nel solo 2018, con un incasso totale che oggi supera...

ADVANCED SYSTEMS DIVENTA UFFICIALMENTE FORNITORE DI SERVIZI CLOUD PER LA PA

ADVANCED SYSTEMS DIVENTA UFFICIALMENTE FORNITORE DI SERVIZI CLOUD PER LA PA

21 Marzo 2019

A partire dal 1° aprile 2019 le pubbliche amministrazioni potranno acquisire esclusivamente servizi IaaS (infrastructure as a service), PaaS...

GALLARATE, ARRIVA LA DOMICILIAZIONE DELLA TARI PER GLI ISCRITTI A LINKMATE

GALLARATE, ARRIVA LA DOMICILIAZIONE DELLA TARI PER GLI ISCRITTI A LINKMATE

14 Marzo 2019

Il Comune di Gallarate ha comunicato ufficialmente ai cittadini che hanno la possibilità di attivare la domiciliazione della Tari...

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI ANGRI FRANCESCO FERRAIOLI: “CON  LINKMATE STIAMO DIMEZZANDO L’EVASIONE”

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI ANGRI FRANCESCO FERRAIOLI: “CON LINKMATE STIAMO DIMEZZANDO L’EVASIONE”

11 Marzo 2019

“Grazie alla nuova banca dati dei contribuenti Tari su LINKmate siamo riusciti a ridurre l’evasione sul tributo del 23%...

I fabbricati collabenti, iscritti in catasto nella categoria F2, senza attribuzione di rendita, non sono soggetti al pagamento dell’Imu né come fabbricati né come area fabbricabile. Lo ha sancito la Corte di Cassazione in una sentenza depositata l’11 ottobre scorso. Il Comune aveva emesso un accertamento per un immobile inserito nella categoria F2 e privo di rendita. La Cassazione ha annullato l’avviso di accertamento, evidenziando anzitutto la differenza concettuale tra fabbricato inagibile e fabbricato collabente. Nel primo caso, si tratta di un’unità che ha perso una parte delle sue potenzialità funzionali per effetto di eventi sopravvenuti e, perciò, ad essa compete la riduzione a metà della base imponibile. Per i fabbricati collabenti, invece, si tratta di immobili che sono privi di qualunque forma di potenziale utilizzabilità per il possessore, tanto che gli stessi sono iscritti in catasto senza attribuzione di rendita. In entrambi i casi è configurabile una unità immobiliare riconducibile alla nozione di fabbricato, circostanza che esclude la possibilità di ravvisare sia l’area edificabile che quella di terreno agricolo. La conclusione della Suprema Corte è che, fino a quando il fabbricato collabente risulterà così identificato in catasto, lo stesso non potrà in nessun modo essere soggetto a imposizione, né come fabbricato- per la mancanza di base imponibile- né come area edificabile. Questa situazione, però, cessa di esistere quando si provvede alla totale demolizione dei “resti” del fabbricato, perché in questo caso l’area di risulta, ove potenzialmente edificabile, deve essere considerata come suolo fabbricabile.

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.