Ultime notizie

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

17 Novembre 2017

Il pagamento online del saldo Imu e Tasi 2017 sul portale del Comune di Milano, semplicemente con l'utilizzo di...

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

17 Novembre 2017

E' prevista per il prossimo 18 dicembre la scadenza della seconda rata di IMU e TASI 2017. Lo rende...

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

07 Novembre 2017

Le transazioni con PagoPA hanno superato la quota dei 4 milioni. Lo ha annunciato Diego Piacentini, commissario straordinario per...

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

30 Ottobre 2017

I fabbricati collabenti, iscritti in catasto nella categoria F2, senza attribuzione di rendita, non sono soggetti al pagamento dell’Imu...

I fabbricati sono soggetti al pagamento dei tributi fin dal momento in cui risultano iscritti al catasto. Lo ha stabilito la Corte di cassazione con una sentenza del 16 dicembre 2016. Per gli edifici di nuova costruzione vengono stabiliti criteri alternativi per l'assoggettamento ai tributi, come l'ultimazione dei lavori o l'utilizzazione, ma solo nel caso in cui lo stesso edificio non sia ancora iscritto al catasto. Una conferma arriva anche da una successiva ordinanza della Cassazione.

“Ai fini dell'assoggettabilità ad imposta dei fabbricati di nuova costruzione- si legge in una sentenza della Corte di Cassazione- il criterio alternativo della data di ultimazione dei lavori, ovvero di quella anteriore di utilizzazione, acquista rilievo solo quando il fabbricato non sia iscritto ancora in catasto, realizzando tale iscrizione il presupposto principale per assoggettare il bene all'imposta”. La Cassazione è ferma nel ritenere che se il fabbricato è accatastato ancor prima dell'ultimazione dei lavori occorrerà prendere come riferimento la data di accatastamento, con la conseguenza che l'iscrizione in catasto del fabbricato, ancorché ancora in corso di costruzione o non effettivamente utilizzato, determina comunque la realizzazione del presupposto impositivo. Le stesse considerazioni riguardano gli interventi edilizi di ristrutturazione o demolizione, in cui la norma impone di considerare il valore dell'area fabbricabile fino alla data di ultimazione dei lavori. 

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.