Ultime notizie

PAGOPA, 28 MILIONI DI TRANSAZIONI IN POCO PIU’ DI 3 ANNI

PAGOPA, 28 MILIONI DI TRANSAZIONI IN POCO PIU’ DI 3 ANNI

25 Marzo 2019

Da 900.000 transazioni nel 2016 ad oltre 14 milioni nel solo 2018, con un incasso totale che oggi supera...

ADVANCED SYSTEMS DIVENTA UFFICIALMENTE FORNITORE DI SERVIZI CLOUD PER LA PA

ADVANCED SYSTEMS DIVENTA UFFICIALMENTE FORNITORE DI SERVIZI CLOUD PER LA PA

21 Marzo 2019

A partire dal 1° aprile 2019 le pubbliche amministrazioni potranno acquisire esclusivamente servizi IaaS (infrastructure as a service), PaaS...

GALLARATE, ARRIVA LA DOMICILIAZIONE DELLA TARI PER GLI ISCRITTI A LINKMATE

GALLARATE, ARRIVA LA DOMICILIAZIONE DELLA TARI PER GLI ISCRITTI A LINKMATE

14 Marzo 2019

Il Comune di Gallarate ha comunicato ufficialmente ai cittadini che hanno la possibilità di attivare la domiciliazione della Tari...

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI ANGRI FRANCESCO FERRAIOLI: “CON  LINKMATE STIAMO DIMEZZANDO L’EVASIONE”

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI ANGRI FRANCESCO FERRAIOLI: “CON LINKMATE STIAMO DIMEZZANDO L’EVASIONE”

11 Marzo 2019

“Grazie alla nuova banca dati dei contribuenti Tari su LINKmate siamo riusciti a ridurre l’evasione sul tributo del 23%...

L’area edificabile utilizzata come spazio di manovra e di stoccaggio per un capannone industriale è qualificata come pertinenziale ai fini Imu, anche se non è stata dichiarata come tale nella denuncia tributaria. Lo ha sancito una sentenza della commissione tributaria provinciale di Vicenza. La sentenza è riferita al caso di un’impresa di lavorazione di calcestruzzi dotata di un capannone industriale con un’ampia area scoperta. Quest’ultima, qualificata come edificabile, era stata considerata come pertinenza del capannone e, perciò, non soggetta a Imu. Il Comune territorialmente competente ha accertato l’omesso pagamento dell’Imu sul suolo edificatorio, rilevando anche che l’area non era stata dichiarata come pertinenziale nella denuncia presentata ai fini dell’imposta. La commissione provinciale ha accolto il ricorso dell’ente, giudicando che la condizione di pertinenzialità era stata ampiamente comprovata dal contribuente. “Al momento dell’acquisto- fa rilevare la Ctp di Vicenza- era stato indicato negli atti che si trattava di unità pertinenziale al fabbricato di impresa. L’intero compendio risulta recintato e il suolo di cui si discute è pavimentato in calcestruzzo, per renderlo idoneo come area di manovra degli automezzi”. In conclusione viene riconosciuta, dunque, la condizione pertinenziale poiché la dimostrazione dei requisiti sostanziali dell’area in questione consente di superare la mancata indicazione in dichiarazione.  

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.