Ultime notizie

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

17 Novembre 2017

Il pagamento online del saldo Imu e Tasi 2017 sul portale del Comune di Milano, semplicemente con l'utilizzo di...

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

17 Novembre 2017

E' prevista per il prossimo 18 dicembre la scadenza della seconda rata di IMU e TASI 2017. Lo rende...

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

07 Novembre 2017

Le transazioni con PagoPA hanno superato la quota dei 4 milioni. Lo ha annunciato Diego Piacentini, commissario straordinario per...

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

30 Ottobre 2017

I fabbricati collabenti, iscritti in catasto nella categoria F2, senza attribuzione di rendita, non sono soggetti al pagamento dell’Imu...

Anci suggerisce prima di pagare, per la scadenza prevista del 10 febbraio, di aspettare la sentenza del Tar del Lazio.

"Ai contribuenti dei Comuni, che prima erano esentati e ora secondo il nuovo decreto legge sull'IMU sono tenuti a pagare entro il 10 febbraio, va detto che in caso di mancato pagamento, in attesa del pronunciamento del Tar del Lazio (17 giugno), potranno in ogni caso mettersi in regola entro sei mesi, sostanzialmente senza sanzioni, con il cosiddetto ravvedimento operoso" si legge in un comunicato diffuso dall'Anci Sardegna.

Come si può leggere su La Nuova Sardegna il presidente dell'Anci, Pier Sandro Scano si è detto soddisfatto dello slittamento del pagamento dell'IMU agricola al 10 febbraio e della diminuzione dei Comuni interessati al pagamento di tale imposta ma afferma che: "Noi non molliamo la presa e continueremo a contrastare la decisione del Governo sia in Parlamento che sul piano legale chiedendo di modificare il decreto legge sui terreni e portando avanti i ricorsi che saranno esaminati il 17 giugno dal Tar del Lazio". La battaglia dunque continua.

Leggi anche:

 

 

 

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.