Ultime notizie

PAGOPA, QUASI 7 MILIONI DI TRANSAZIONI IN DUE ANNI

PAGOPA, QUASI 7 MILIONI DI TRANSAZIONI IN DUE ANNI

20 Febbraio 2018

“Per pagare basta un click”. Lo slogan scelto da Diego Piacentini per PagoPA sintetizza efficacemente il primo vantaggio derivante...

TRIBUTI LOCALI, RISCOSSIONE INTEGRALE ANCHE DOPO L’IMPUGNAZIONE

TRIBUTI LOCALI, RISCOSSIONE INTEGRALE ANCHE DOPO L’IMPUGNAZIONE

15 Febbraio 2018

Ici, Imu, Tasi e gli altri tributi locali si riscuotono per intero dopo l’accertamento, anche se l’atto viene impugnato....

IL COMMISSARIO PER L’AGENDA DIGITALE PIACENTINI: “CON PAGOPA SI SEMPLIFICA LA VITA DEI CITTADINI”

IL COMMISSARIO PER L’AGENDA DIGITALE PIACENTINI: “CON PAGOPA SI SEMPLIFICA LA VITA DEI CITTADINI”

13 Febbraio 2018

“Con PagoPA il Comune di Gallarate ha introdotto il concetto, che esiste anche in economia, di beneficio digitale”. Il...

MARTINA FRANCA, BONUS DI 5 EURO SULLA TARI PER CHI USA LINKMATE

MARTINA FRANCA, BONUS DI 5 EURO SULLA TARI PER CHI USA LINKMATE

05 Febbraio 2018

I contribuenti di Martina Franca che utilizzeranno LINKMATE avranno uno sconto sulla Tari 2018. E’ una delle modifiche al...

Anche le aree senza le dimensioni minime per poter essere edificate sono soggette al pagamento di Imu e Tasi. Lo ha sancito la Corte di Cassazione, con una sentenza del 5 agosto scorso.

Le dimensioni ridotte del terreno non modificano la natura dell'area, poiché è possibile accorpare il lotto con un fondo attiguo. Per la Cassazione la natura edificabile non viene meno “per le ridotte dimensioni e/o la particolare conformazione del lotto, che non incidono su tale qualità. E' sempre possibile l'accorpamento con fondi vicini della medesima zona, ovvero l'asservimento urbanistico a fondo contiguo avente identica destinazione”. Il proprietario dell'area potrebbe cedere, infatti, il diritto a edificare sul lotto o acquisire la titolarità di un altro terreno limitrofo, per raggiungere le dimensioni minime. E, perciò, anche sui terreni più piccoli si pagano i tributi sugli immobili.

Un giudizio analogo è stato emesso dalla Corte sulla questione dei limiti amministrativi posti nei piani regolatori comunali. Anche con questi limiti non viene meno il regime fiscale dei suoli edificabili. I giudici di legittimità hanno precisato che i divieti amministrativi posti dal Comune per l'edificazione di un'area non escludono che l'immobile sia soggetto al pagamento delle imposte locali. La presenza di vincoli ha, però, un'incidenza sul valore dell'area e sulla base imponibile. L'imposta deve essere versata in misura ridotta, perché per quantificare il valore dell'area stessa occorre fare riferimento anche alla zona di ubicazione, all'indice di edificabilità ed alla destinazione d'uso consentita.  

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.