Ultime notizie

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

17 Novembre 2017

Il pagamento online del saldo Imu e Tasi 2017 sul portale del Comune di Milano, semplicemente con l'utilizzo di...

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

17 Novembre 2017

E' prevista per il prossimo 18 dicembre la scadenza della seconda rata di IMU e TASI 2017. Lo rende...

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

07 Novembre 2017

Le transazioni con PagoPA hanno superato la quota dei 4 milioni. Lo ha annunciato Diego Piacentini, commissario straordinario per...

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

30 Ottobre 2017

I fabbricati collabenti, iscritti in catasto nella categoria F2, senza attribuzione di rendita, non sono soggetti al pagamento dell’Imu...

Per salvaguardare i bilanci, i Comuni possono compensare la riduzione di gettito sugli “imbullonati” con il trasferimento compensativo previsto dal comma 24 della legge di Stabilità 2016, anche se la sua erogazione è prevista solo entro il mese di ottobre.

Lo ribadisce l'Ifel, affrontando in una nota le questioni contabili relative alla detassazione, ai fini Imu e Tasi, dei macchinari, congegni, attrezzature ed altri impianti produttivi che, a partire dallo scorso 1° gennaio, possono essere scorporati, su istanza dei possessori, dalla determinazione della rendita catastale.

Le nuove rendite rideterminate entro il 15 giugno 2016 hanno prodotto effetti già sull'acconto, determinando così una perdita di gettito per tutti i comuni interessati dalla presenza di immobili D sul proprio territorio. Per compensare la perdita di gettito, la legge 208/2015 ha stanziato un contributo di 155 milioni di euro che sarà ripartito con un decreto ministeriale, da emanare entro il 31 ottobre 2016. Alcuni comuni hanno avanzato dubbi sulla congruità dei fondi messi a disposizione. L'opinione dell'Ifel, al riguardo, è che i primi dati comunicati informalmente dall'Agenzia delle Entrate non sembrino evidenziare elementi di allarme. “Perciò, è ragionevole ritenere- scrive il quotidiano Italia Oggi, commentando la nota dell'Istituto di finanza locale dell'Anci- che le perdite di gettito riscontrate troveranno integrale compensazione con l'assegnazione di ottobre. Da qui la possibilità, già in sede di verifica degli equilibri (da quest'anno in calendario entro fine luglio), di compensare la minore entrata a titolo I da Imu/Tasi con il futuro trasferimento compensativo (da contabilizzare a titolo II), anche se ciò contrasta con le nuove regole contabili introdotte dal dlgs. 118/2011”.  

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.