Ultime notizie

BERGAMO, LEADER IN ITALIA NELLA LOTTA ALL’EVASIONE GRAZIE A LINKMATE ED AI PAGAMENTI ELETTRONICI

BERGAMO, LEADER IN ITALIA NELLA LOTTA ALL’EVASIONE GRAZIE A LINKMATE ED AI PAGAMENTI ELETTRONICI

09 Ottobre 2018

Il Comune di Bergamo è al primo posto in Italia nella lotta all’evasione.

TRIBUTI LOCALI, LA GESTIONE DA PARTE DEI CONCESSIONARI E’ LEGITTIMA

TRIBUTI LOCALI, LA GESTIONE DA PARTE DEI CONCESSIONARI E’ LEGITTIMA

08 Ottobre 2018

La gestione dell’accertamento, liquidazione e riscossione dei tributi locali da parte del concessionario, invece che da parte del Comune,...

LECCO, GLI AVVISI TARI SONO SU LINKMATE

LECCO, GLI AVVISI TARI SONO SU LINKMATE

24 Settembre 2018

Per i contribuenti di Lecco si avvicina la scadenza della seconda rata della Tari. E l’amministrazione comunale ricorda agli...

IMU, LA RESIDENZA “DI FATTO” NON ESONERA DAL PAGAMENTO

IMU, LA RESIDENZA “DI FATTO” NON ESONERA DAL PAGAMENTO

21 Settembre 2018

L’esonero dal pagamento dell’Imu scatta solo nei casi in il proprietario dimora abitualmente e risiede anagraficamente nell’immobile che dichiara...

I cittadini che vogliono usufruire della nuova identità digitale rilasciata da SPID, possono recarsi presso i 3.800 sportelli abilitati di Poste Italiane, dislocati in tutta Italia. Proprio Poste Italiane è uno dei tre “gestori”, più comunemente denominati ID Provider, autorizzati a rilasciare identità digitali per accedere ai servizi dei Service Provider che aderiranno a SPID, il Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale.

Nei prossimi mesi- fanno sapere da Poste Italiane- il numero degli sportelli crescerà ulteriormente perché tutti i 13.000 uffici postali saranno abilitati al rilascio dell'identità digitale. Anche i portalettere, grazie alla loro dotazione 'telematica”, saranno in grado di identificare il cliente a domicilio e fornirgli l'identità digitale. Oltre al nome utente, alla password ed al codice personale Codice PosteID, che rappresentano la forma più semplice di identità prevista dal sistema SPID, Poste Italiane ha scelto un ulteriore livello di controllo basato su codici temporanei, generati da un'apposita App o inviati di volta in volta via Sms, per evitare che qualcuno possa richiedere certificati o inviare comunicazioni al posto dei cittadini, dopo essersi impossessato dei loro codici.

La nuova “identità digitale” fornita da Poste Italiane rappresenta un passo avanti verso un unico sistema identificativo per i servizi della Pubblica Amministrazione centrale e locale. Fino ad oggi, i cittadini, per accedere ai servizi degli enti, sono costretti a memorizzare decine di password. L'obiettivo di SPID è quello di consentire agli utenti di avere un solo Pin per fruire dei servizi delle pubbliche amministrazioni e degli enti aderenti al sistema. Sono già circa 300 i servizi ai quali è possibile accedere con le credenziali SPID. Tra questi enti figurano l'Inps, l'Inail e l'Agenzia delle Entrate. E ancora le Regioni Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Liguria, Toscana e Marche. E il Comune di Firenze.
Per ottenere la nuova identità digitale è necessario rivolgersi ad uno dei tre “gestorì” accreditati dall'Agenzia per l'Italia Digitale. Ovvero Infocert, Tim e Poste Italiane.

In quest'ultimo caso, chi è già in possesso di una firma digitale, di una carta di identità elettronica, di una carta nazionale dei servizi o di altri sistemi di riconoscimento telematico ufficialì potrà richiedere l'identità SPID anche online. Per gli altri, invece, sarà necessario recarsi fisicamente presso uno sportello di Poste con un documento di riconoscimento.

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.