Ultime notizie

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

17 Novembre 2017

Il pagamento online del saldo Imu e Tasi 2017 sul portale del Comune di Milano, semplicemente con l'utilizzo di...

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

17 Novembre 2017

E' prevista per il prossimo 18 dicembre la scadenza della seconda rata di IMU e TASI 2017. Lo rende...

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

07 Novembre 2017

Le transazioni con PagoPA hanno superato la quota dei 4 milioni. Lo ha annunciato Diego Piacentini, commissario straordinario per...

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

30 Ottobre 2017

I fabbricati collabenti, iscritti in catasto nella categoria F2, senza attribuzione di rendita, non sono soggetti al pagamento dell’Imu...

Anche per i comodati stipulati fra comproprietari dello stesso immobile valgono le agevolazioni su Imu e Tasi, previste dalla legge di Stabilità 2016. Lo sostiene l'Ifel, secondo cui devono essere, in ogni caso, rispettate tutte le condizioni previste dalla stessa legge.

La riduzione del 50% della base imponibile si applica, quindi, nel caso di possesso, da parte del comodante, di un solo immobile oppure di due immobili ubicati nello stesso Comune, di cui uno- quello non concesso in comodato- deve essere l'abitazione principale. Il contratto di comodato va registrato presso l'Agenzia delle Entrate e la riduzione sarà applicata solo dalla data di registrazione. Per beneficiare dell'agevolazione, il comodante deve comunicare il possesso dei requisiti al Comune, tramite una dichiarazione apposita.

 

Nell'eventualità in cui vengano osservate tutte queste regole, il beneficio toccherà anche nel caso di comproprietà. “Non si rinvengono nella normativa- si legge nella nota dell'Ifel- particolari elementi ostativi al diritto a usufruire dell'agevolazione, qualora i comproprietari rispettino tutti i requisiti previsti dalla norma”.

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.