Ultime notizie

IMU E TASI 2018, IL RAVVEDIMENTO E’ ALLA PORTATA DI TUTTI I CONTRIBUENTI CON CALCOLOIUC

IMU E TASI 2018, IL RAVVEDIMENTO E’ ALLA PORTATA DI TUTTI I CONTRIBUENTI CON CALCOLOIUC

19 Giugno 2018

Avete dimenticato di effettuare il versamento dell’acconto Imu e Tasi entro la scadenza del 18 giugno? Potrete rimediare subito...

BERGAMO, LA TARI SI PAGA SU LINKMATE

BERGAMO, LA TARI SI PAGA SU LINKMATE

11 Giugno 2018

I contribuenti bergamaschi hanno la possibilità di pagare la Tari online accedendo a LINKmate sul portale del Comune. Lo...

NAPOLI, I TRIBUTI LOCALI SI PAGANO ONLINE CON CARTA DI CREDITO

NAPOLI, I TRIBUTI LOCALI SI PAGANO ONLINE CON CARTA DI CREDITO

10 Giugno 2018

I contribuenti napoletani possono pagare online Imu, Tasi e Tari semplicemente con l’utilizzo di una carta di credito.Tassa sui...

IMU E TASI, ECCO IL VADEMECUM PER L’ACCONTO

IMU E TASI, ECCO IL VADEMECUM PER L’ACCONTO

10 Giugno 2018

Per calcolare l’importo dell’acconto di Imu e Tasi i contribuenti possono usufruire di CALCOLOIUC2018, il software di Advanced Systems.Tassa...

I contratti di comodato redatti verbalmente potranno essere registrati fino al 1° marzo prossimo, per poter beneficiare già dal 1° gennaio 2016 dello sconto del 50% su Imu e Tasi, per le case concesse in comodato dai genitori ai figli e viceversa.

Lo si apprende dalla risposta fornita dal Minisero dell'Economia e delle Finanze ad un quesito della Cna. Essendo un nuovo adempimento, infatti, per il Mef vale l'articolo 3, comma 2 dello Statuto del contribuente, secondo il quale la scadenza dei nuovi obblighi tributari non può essere fissata prima del 60esimo giorno dalla loro entrata in vigore, appunto il 1° marzo (60 giorni a partire dal 1° gennaio 2016).

Per coloro che hanno redatto il contratto in forma scritta senza registrarlo, invece, resta l'obbligo di registrazione entro 20 giorni dalla stipula. La data ultima- precisa il Mef- per poter far valere il beneficio dal 1° gennaio è il 16 dello stesso mese. E perciò il termine massimo era fissato al 5 febbraio scorso. “Ma la questione della registrazione entro il 5 febbraio- si legge sul “Sole24Ore”- è quasi superata per i comodati, perché è facile prevedere che chi aveva stipulato un contratto scritto senza registrarlo strapperà il cartaceo e registrerà l'accordo verbale entro il 1° marzo”. Restano, comunque, ferme le regole per ottenere l'agevolazione del 50% della base imponibile di Imu e Tasi sui comodati. I requisiti sono i seguenti: la casa deve essere accatastata in una categoria diversa da quelle di pregio e il contratto di comodato deve essere registrato. Nello stesso tempo, è necessario che il comodatario la utilizzi come abitazione principale. Infine, il comodante deve essere residente nello stesso Comune in cui si trova la casa in comodato e deve possedere al massimo l'abitazione principale oltre a quella concessa in comodato. Ma quest'ultima norma si applica solo per gli immobili ad uso abitativo. La norma non vale, ad esempio, per negozi e terreni.  

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.