Ultime notizie

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

17 Novembre 2017

Il pagamento online del saldo Imu e Tasi 2017 sul portale del Comune di Milano, semplicemente con l'utilizzo di...

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

17 Novembre 2017

E' prevista per il prossimo 18 dicembre la scadenza della seconda rata di IMU e TASI 2017. Lo rende...

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

07 Novembre 2017

Le transazioni con PagoPA hanno superato la quota dei 4 milioni. Lo ha annunciato Diego Piacentini, commissario straordinario per...

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

30 Ottobre 2017

I fabbricati collabenti, iscritti in catasto nella categoria F2, senza attribuzione di rendita, non sono soggetti al pagamento dell’Imu...

Il Comune di Napoli si prepara a dire addio a Equitalia per la riscossione dei tributi locali e annuncia la nascita di un nuovo soggetto pubblico. Dal prossimo mese di maggio sarà attiva “Napoli riscossione”.

Lo annunciano il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e l'assessore al Bilancio Salvatore Palma. “Napoli riscossione” partirà occupandosi delle entrate comunali per poi rimpiazzare Equitalia nelle riscossioni di pertinenza del Comune, dalla Tari alle contravvenzioni al Codice della Strada.

“Partire adesso- spiega l'assessore Palma- significa completare il ciclo dei servizi della nuova società entro il 2017. Però già quest'anno saremo in grado di erogare servizi alla cittadinanza e servizi al Comune attraverso questo nuovo organismo. C'è una diatriba in atto in questo momento sulla costituzionalità o meno dell'aggio che Equitalia prende dai contribuenti. Noi riteniamo di poter recuperare l'aggio in capo ai cittadini solo quando è coattivo, cioè dopo i 60 giorni di scadenza del termine. In quel caso l'azione di riscossione e gli oneri, che essa genera, possono essere addebitati al cittadino. Ma, se il cittadino paga regolarmente, non subirà- conclude l'assessore- ulteriori costi”.

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.