Ultime notizie

CESENA, PER GLI AVVISI TARI C’E’ LINKMATE A DISPOSIZIONE DEI CONTRIBUENTI

CESENA, PER GLI AVVISI TARI C’E’ LINKMATE A DISPOSIZIONE DEI CONTRIBUENTI

26 Luglio 2019

I contribuenti cesenati che non sono ancora in possesso del modello F24 per il pagamento della Tari possono rimediare...

PAGOPA, IL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA MEDIA PIANURA BERGAMASCA NELLA TOP TEN DEGLI ENTI CREDITORI

PAGOPA, IL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA MEDIA PIANURA BERGAMASCA NELLA TOP TEN DEGLI ENTI CREDITORI

24 Luglio 2019

Il progetto PagoPA ha fatto registrare una crescita vertiginosa negli ultimi 12 mesi.Tassa sui Servizi IndivisibiliTassa sui RifiutiImposta Municipale...

PULSANO, I TRIBUTI SONO A PORTATA DI CLICK CON LINKMATE E PAGOPA

PULSANO, I TRIBUTI SONO A PORTATA DI CLICK CON LINKMATE E PAGOPA

23 Luglio 2019

“Oggi abbiamo ricevuto per la prima volta un pagamento con PagoPA da parte di un contribuente. Si tratta di...

LINKMATE, QUASI 3000 ISCRIZIONI IN POCHI GIORNI A TARANTO

LINKMATE, QUASI 3000 ISCRIZIONI IN POCHI GIORNI A TARANTO

22 Luglio 2019

Ai contribuenti tarantini piace Linkmate. Dopo 2 settimane dalla sua attivazione, lo sportello telematico ha fatto registrare già un...

All'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Napoli si sono imbattuti nelle difficoltà in cui si trovano parecchi contribuenti per il saldo Imu e Tasi 2015. “Molti dei nostri assistiti- spiega Immacolata Vasaturo, consigliere delegato per il fisco dello stesso Ordine- hanno deciso di rimandare il versamento, affidandosi al ravvedimento operoso.

In alcuni casi, non c'è una disponibilità economica sufficiente a pagare il saldo. I problemi riguardano anzitutto i lavoratori autonomi. Anche le modalità di pagamento creano problemi perché tanti non sanno ancora usare l'home banking. E, nello stesso tempo, i contanti scarseggiano”. I Dottori Commercialisti, pur essendo ancora impegnati con il saldo, proiettano per un attimo lo sguardo verso il 2016. “L'unico pensiero che può sollevare il contribuente in questo momento - spiega il presidente Vincenzo Moretta- è che dall'anno prossimo la Tasi non ci sarà più. Resta però una preoccupazione per l’eventuale aggravio degli oneri fiscali con la possibile introduzione di altri tributi”. Le scadenze di fine anno, però, sono tante cosicché si torna a parlare del presente. “C'è una sovrapposizione di appuntamenti con il fisco- riprende la Vasaturo- che rende tutto più difficile. Il 30 novembre c'è stata la scadenza del versamento del secondo acconto Irpef. Ora, il saldo Imu e Tasi. E poi ci sarà per le aziende l'acconto Iva di fine anno. Troppi oneri in pochissimo tempo”. Per gli enti locali la situazione è sempre più ingarbugliata. “Con l’abolizione della Tasi - riprende la Vasaturo- i Comuni si trovano tra incudine e martello. Da un lato i cittadini sono tartassati e perciò le imposte provocano malumori. Dall'altro lato, ci sono i tagli da parte dello Stato. I Comuni per gestire gli uffici tributi avrebbero bisogno di personale ma non possono assumere per i vincoli del patto di Stabilità. E' un discorso che riguarda tanto i grandi Comuni come Napoli quanto quelli più piccoli, come ad esempio, Sant’Agnello, dove ho potuto verificarlo, essendo revisore dei conti. Queste carenze degli uffici Tributi si ripercuotono sui cittadini. Ad esempio, quando si riceve un avviso di accertamento Imu è pressoché impossibile parlare con un dirigente. Si deposita l’istanza- conclude la Vasaturo- e poi non succede nulla”.    

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.