Ultime notizie

PAGOPA, QUASI 7 MILIONI DI TRANSAZIONI IN DUE ANNI

PAGOPA, QUASI 7 MILIONI DI TRANSAZIONI IN DUE ANNI

20 Febbraio 2018

“Per pagare basta un click”. Lo slogan scelto da Diego Piacentini per PagoPA sintetizza efficacemente il primo vantaggio derivante...

TRIBUTI LOCALI, RISCOSSIONE INTEGRALE ANCHE DOPO L’IMPUGNAZIONE

TRIBUTI LOCALI, RISCOSSIONE INTEGRALE ANCHE DOPO L’IMPUGNAZIONE

15 Febbraio 2018

Ici, Imu, Tasi e gli altri tributi locali si riscuotono per intero dopo l’accertamento, anche se l’atto viene impugnato....

IL COMMISSARIO PER L’AGENDA DIGITALE PIACENTINI: “CON PAGOPA SI SEMPLIFICA LA VITA DEI CITTADINI”

IL COMMISSARIO PER L’AGENDA DIGITALE PIACENTINI: “CON PAGOPA SI SEMPLIFICA LA VITA DEI CITTADINI”

13 Febbraio 2018

“Con PagoPA il Comune di Gallarate ha introdotto il concetto, che esiste anche in economia, di beneficio digitale”. Il...

MARTINA FRANCA, BONUS DI 5 EURO SULLA TARI PER CHI USA LINKMATE

MARTINA FRANCA, BONUS DI 5 EURO SULLA TARI PER CHI USA LINKMATE

05 Febbraio 2018

I contribuenti di Martina Franca che utilizzeranno LINKMATE avranno uno sconto sulla Tari 2018. E’ una delle modifiche al...

Il 30 giugno 2015 è la scadenza fissata per la presentazione della Dichiarazione IMU-TASI. A stabilirlo è l'articolo 1, commi 684-685, della legge 147/2013 secondo cui è necessario che i soggetti passivi dell'imposta unica comunale (IUC) presentino la dichiarazione entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui sono intervenute variazioni rilevanti o ha avuto inizio il possesso o la detenzione di un immobile.

IN QUALI CASI DEVE ESSERE PRESENTATA LA DICHIARAZIONE?

Le dichiarazioni presentate negli anni passati hanno effetto anche per gli anni successivi. Una nuova presentazione deve effettuarsi solo per gli immobili interessati da modifiche suscettibili di produrre una variazione sul calcolo del tributo dovuto. Ne consegue che se nulla è variato nell'anno d'imposta 2014, nulla deve essere comunicato entro il 30 giugno 2015 al Comune.

I casi di esonero sono comunque numerosi e sono dettagliati nelle istruzioni al modello di dichiarazione.

E' sempre necessario inviare la dichiarazione quando si verifica una delle seguente situazioni:

  • fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati;
  • fabbricati di interesse storico o artistico;
  • fabbricati per i quali il Comune ha eventualmente deliberato una riduzione dell'aliquota (immobili dei soggetti Ires e immobili locati o affittati);
  • terreni agricoli o edificabili in relazione ai quali i coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali beneficiano delle agevolazioni stabilite dalla norma;
  • fabbricati merce invenduti
  • il Comune non è in possesso delle informazioni necessarie per verificare il corretto adempimento dell'obbligazione tributaria.   

COME DEVE ESSERE PRESENTATA LA DICHIARAZIONE TASI?

Con la Risoluzione n.3/DF del 25 Marzo 2015, il Ministero dell'Economia ha chiarito che il modello di dichiarazione deve essere unico a livello Nazionale e che non sono validi i modelli predisposti dai singoli Comuni.

Lo stesso Ministero ha anche precisato con la circolare n.2/DF che non approverà nessun modello per la dichiarazione Tasi. Nei casi di obbligo di sua presentazione dovrà dunque essere usato lo stesso modello necessario per la dichiarazione Imu, viste le sostanziali identiche informazioni necessarie per il controllo e l'accertamento delle obbligazioni tributarie Imu e Tasi.

Clicca qui per compilare la Dichiarazione IMU

Leggi anche:

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.