Ultime notizie

PAGOPA, 28 MILIONI DI TRANSAZIONI IN POCO PIU’ DI 3 ANNI

PAGOPA, 28 MILIONI DI TRANSAZIONI IN POCO PIU’ DI 3 ANNI

25 Marzo 2019

Da 900.000 transazioni nel 2016 ad oltre 14 milioni nel solo 2018, con un incasso totale che oggi supera...

ADVANCED SYSTEMS DIVENTA UFFICIALMENTE FORNITORE DI SERVIZI CLOUD PER LA PA

ADVANCED SYSTEMS DIVENTA UFFICIALMENTE FORNITORE DI SERVIZI CLOUD PER LA PA

21 Marzo 2019

A partire dal 1° aprile 2019 le pubbliche amministrazioni potranno acquisire esclusivamente servizi IaaS (infrastructure as a service), PaaS...

GALLARATE, ARRIVA LA DOMICILIAZIONE DELLA TARI PER GLI ISCRITTI A LINKMATE

GALLARATE, ARRIVA LA DOMICILIAZIONE DELLA TARI PER GLI ISCRITTI A LINKMATE

14 Marzo 2019

Il Comune di Gallarate ha comunicato ufficialmente ai cittadini che hanno la possibilità di attivare la domiciliazione della Tari...

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI ANGRI FRANCESCO FERRAIOLI: “CON  LINKMATE STIAMO DIMEZZANDO L’EVASIONE”

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI ANGRI FRANCESCO FERRAIOLI: “CON LINKMATE STIAMO DIMEZZANDO L’EVASIONE”

11 Marzo 2019

“Grazie alla nuova banca dati dei contribuenti Tari su LINKmate siamo riusciti a ridurre l’evasione sul tributo del 23%...

Il Sole 24 Ore nella sua edizione quotidiana ha messo in evidenza come anche nel 2015 i contribuenti possono utilizzare gli importi a credito risultanti dal 730 per il pagamento di tutte le imposte il cui versamento deve essere effettuato tramite il Modello F24. Di conseguenza queste eccedenze potranno essere utilizzate anche per pagare l'IMU e la TASI. In caso di compensazione il dipendente pero' non riceverà alcun rimborso da parte del proprio sostituto d'imposta nei mesi di luglio o di agosto.

COME SI COMPILA IL MODELLO F24 PER UTILIZZARE LA COMPENSAZIONE?

Il Sole 24 Ore spiega in maniera dettagliata come compilare il Modello F24 nel caso in cui un contribuente decida di compensare il credito Irpef che scaturisce dal 730 con altre imposte, tra cui l'IMU e la TASI. In particolare scrive che il cittadino deve: "Compilare il quadro I "IMPOSTA DA COMPENSARE. Nella colonna 1, indica la parte di credito che utilizza con il modello F24 per pagare i debiti. La parte eccedente di credito che non utilizzerà sarà rimborsata dal sostituto d'imposta. Se, viceversa, il credito che compensa è inferiore alle imposte a debito, il contribuente deve presentare un altro modello F24 per la differenza a debito".

Il noto quotidiano economico continua scrivendo che: "Il contribuente che intende compensare per l'intero credito Irpef che risulta dal modello 730 per pagare i debiti, deve barrare la casella numero 2 e non indicare alcun importo da compensare alla casella 1. Nel caso di dichiarazione congiunta, ogni coniuge puo' scegliere autonomamente di compensare o meno il proprio credito che risulta dalla dichiarazione e in che misura il pagamento delle imposte dovute da ciascuno di essi. Cio' vuol dire che un coniuge non puo' usare in compensazione il credito spettante all'altro coniuge per pagare i debiti".

COME SI PRESENTA IL MODELLO F24 PER UTILIZZARE LA COMPENSAZIONE?

Ogni contribuente che decide di utilizzare in compensazione un credito risultante dal 730 deve:

  1. Se il saldo è zero dopo la compensazione, necessariamente presentare il modello F24 telematicamente per il tramite di un intermediario abilitato;
  2. Se il debito finale dell'F24 è superiore a zero o quando, indipendetemente da eventuali compensazioni, sia oltre mille euro, presentare il modello in modo telematico tramite l'Agenzia delle Entrate o tramite un intermediario appositamente convenzionato con l'Agenzia.

Se il credito da compensare è superiore a 15.000 euro, è necessario sempre richiedere, prima della presentazione del Modello F24, l'apposizione del visto di conformità da parte dell'intermediario abilitato (art.1, comma 574 Legge di Stabilità 2014).

 Leggi anche:

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.