Ultime notizie

PAGOPA, 28 MILIONI DI TRANSAZIONI IN POCO PIU’ DI 3 ANNI

PAGOPA, 28 MILIONI DI TRANSAZIONI IN POCO PIU’ DI 3 ANNI

25 Marzo 2019

Da 900.000 transazioni nel 2016 ad oltre 14 milioni nel solo 2018, con un incasso totale che oggi supera...

ADVANCED SYSTEMS DIVENTA UFFICIALMENTE FORNITORE DI SERVIZI CLOUD PER LA PA

ADVANCED SYSTEMS DIVENTA UFFICIALMENTE FORNITORE DI SERVIZI CLOUD PER LA PA

21 Marzo 2019

A partire dal 1° aprile 2019 le pubbliche amministrazioni potranno acquisire esclusivamente servizi IaaS (infrastructure as a service), PaaS...

GALLARATE, ARRIVA LA DOMICILIAZIONE DELLA TARI PER GLI ISCRITTI A LINKMATE

GALLARATE, ARRIVA LA DOMICILIAZIONE DELLA TARI PER GLI ISCRITTI A LINKMATE

14 Marzo 2019

Il Comune di Gallarate ha comunicato ufficialmente ai cittadini che hanno la possibilità di attivare la domiciliazione della Tari...

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI ANGRI FRANCESCO FERRAIOLI: “CON  LINKMATE STIAMO DIMEZZANDO L’EVASIONE”

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI ANGRI FRANCESCO FERRAIOLI: “CON LINKMATE STIAMO DIMEZZANDO L’EVASIONE”

11 Marzo 2019

“Grazie alla nuova banca dati dei contribuenti Tari su LINKmate siamo riusciti a ridurre l’evasione sul tributo del 23%...

Sugli impianti di risalita si pagano l'Imu e la Tasi. A dirlo è stato il sottosegretario all'Economia Enrico Zanetti che ha in pratica confermato quanto la Corte di Cassazione aveva stabilito nella sentenza 4541 del 21 gennaio scorso.

Al question time presentato dai deputati Filippo Busin e Davide Caparini che chiedevano di accatastare le teleferiche, le funivie e le funicolari nella categoria E, che comprende gli immobili a destinazione particolare non soggetti ad alcun tipo di pressione fiscale, e non in quella D, Zanetti ha dato risposta negativa bloccando quindi ogni possibilità di esenzione dall'Imu e dalla Tasi per gli impianti di risalita. Non possono quindi essere equiparati alle stazioni ferroviarie che offrono un servizio pubblico prevedendo lo smistamento dei passeggeri.

"E' proprio la loro vocazione ludico-ricreativa a condannarli al pagamento delle tasse" ha detto il sottosegretario all'Economia che ha messo anche in evidenza che chi usa impianti di risalita paga regolarmente un biglietto e per questo motivo devono essere posti sullo stesso piano delle attività commerciali. Dunque teleferiche, funivie e funicolari continueranno ad essere classificate nella categoria catastale D e saranno, salvo clamorosi ribaltoni, soggette al pagamento dell'Imu e della Tasi.

Leggi anche:

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.