Ultime notizie

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

DA OGGI L'F24 SI PAGA DIRETTAMENTE SUL SITO DEL COMUNE DI MILANO

17 Novembre 2017

Il pagamento online del saldo Imu e Tasi 2017 sul portale del Comune di Milano, semplicemente con l'utilizzo di...

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

IMU E TASI 2017, IL SALDO SI PAGA ENTRO IL 18 DICEMBRE

17 Novembre 2017

E' prevista per il prossimo 18 dicembre la scadenza della seconda rata di IMU e TASI 2017. Lo rende...

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

IL COMMISSARIO PER L'ITALIA DIGITALE DIEGO PIACENTINI: “GALLARATE COMUNE VIRTUOSO PER GLI SCONTI A CHI USA PAGOPA”

07 Novembre 2017

Le transazioni con PagoPA hanno superato la quota dei 4 milioni. Lo ha annunciato Diego Piacentini, commissario straordinario per...

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

L’IMU NON VA PAGATA PER I FABBRICATI COLLABENTI PRIVI DI RENDITA

30 Ottobre 2017

I fabbricati collabenti, iscritti in catasto nella categoria F2, senza attribuzione di rendita, non sono soggetti al pagamento dell’Imu...

Il Sole 24 Ore nella sua edizione quotidiana ha parlato della nuova disciplina relativa all'IMU sugli immobili sottoposti a sequestro e a confisca non definitiva, che è entrata in vigore in seguito all'emanazione del Dlgs 175/2014 attuativo della Legge delega n.23/2014.

L'art. 51 del decreto legislativo 6 settembre 2011, n.159 (codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione) è stato modificato dall'art. 32 del Dlgs 175/2014 con cui è stato chiarito il trattamento fiscale degli immobili sequestrati. La norma in particolare prevede: «Durante la vigenza dei provvedimenti di sequestro e confisca e, comunque, fino alla assegnazione o destinazione dei beni a cui si riferiscono, è sospeso il versamento di imposte, tasse e tributi dovuti con riferimento agli immobili oggetto di sequestro il cui presupposto impositivo consista nella titolarità del diritto di proprietà o nel possesso degli stessi».

La  sospensione è in atto finché non vi è la definitiva assegnazione o destinazione dei beni e riguarda anche l'IMU, essendo un tributo dovuto dal possessore di immobili, e la TASI, almeno per la percentuale che grava sul possessore.

Fino al 2013 era prevista l'esenzione dall'imposta durante il periodo in cui il bene era sottoposto a sequestro e a confisca, l'attuale norma prevede invece dalla data dell' 1 gennaio 2014 la sola sospensione. Inoltre è previsto che nel caso in cui cessi la misura preventiva adottata ed il bene ritorni nelle disponibilità del proprietario, egli sarà obbligato a versare la quota di tributo maturata per tutti il periodo dell'amministrazione giudiziaria.

Il Sole 24 Ore infine precisa che: «Secondo la circolare dell'Agenzia delle entrate n.31 del 30/12/2014, poichè la norma dispone solo la sospensione del versamento del tributo, la stessa non dispensa l'amministratore giudiziario dall'obbligo di adempiere agli ulteriori onere fiscali, compresi quelli dichiarativi, durante la vigenza dei provvedimenti di sequestro e confisca non definitiva».

Leggi anche:

 

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.