LINKMATE, NEL 2017 LO UTILIZZERÀ ANCHE IL COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA

“Abbiamo deciso- riprende la Sacchi- di utilizzare il gestionale che darà la possibilità ai cittadini di consultare la loro posizione contributiva. LINKmate sarà a disposizione dei circa 16000 contribuenti di Falconara. La presentazione verrà fatta prima ai commercialisti ed ai Caf. E successivamente alla cittadinanza. Attraverso LINKmate si potranno effettuare i pagamenti online avvalendosi di PAGOPA, il canale dei pagamenti della Pubblica Amministrazione. Lo faremo per la Tari, per il canone di occupazione suolo e per le sanzioni al Codice della Strada.”.

Il vostro è stato uno dei primi Comuni italiani a gestire in proprio la riscossione coattiva.

“Abbiamo iniziato nel 2008. Siamo stati il primo Comune marchigiano a farlo. Ci siamo messi subito alla ricerca di un gestionale ad hoc perché in quel periodo era difficile reperirli. Ho trovato Advanced Systems che ci aveva fornito già il gestionale dell’Ici. Mi presentarono il programma e, da quel momento, siamo partiti coi ruoli ICI. Adesso gestiamo in coattivo tutte le entrate del Comune”.

Con quali risultati?

“E’ andato tutto bene. Facendo in casa la riscossione si hanno più soddisfazioni perché i problemi vengono gestiti subito con i cittadini. C’è un rapporto diretto con i contribuenti. I riscontri delle entrate, inoltre, arrivano subito. Ci siamo organizzati bene. Abbiamo assunto anche un ufficiale della riscossione tramite concorso. Il contatto diretto tra il Comune ed i cittadini, d’altronde, è proprio quello che manca ad Equitalia. Siamo riusciti ad organizzarci superando la prima difficoltà, che consisteva nel trovare il gestionale adatto”.

Qual è l’ammontare degli incassi?

“Le ingiunzioni emesse dall’anno di imposta 2010 ad oggi sono 9475, per un totale di 10.297.766 euro. L’incasso medio per ciascuna annualità è stato di circa il 36%”.