DELIBERE IMU E TASI, “MINI-SANATORIA” DI UN GIORNO

La Commissione Bilancio della Camera dei deputati- spiega il presidente di Confedilizia Giorgio Spaziani Testa- ha approvato un emendamento che stabilisce che il termine per l’approvazione da parte dei Comuni dei bilanci e, quindi, delle delibere su tributi come Imu e Tasi – da tempo stabilito al 30 luglio 2015 (peraltro in seguito a varie proroghe del termine originario fissato al 31 dicembre 2014) – «deve intendersi riferito al 31 luglio 2015». Si tratta – duole rilevarlo – di un nuovo schiaffo ai contribuenti, i quali proprio entro oggi sono chiamati a versare la seconda rata di tali imposte. E devono farlo – in applicazione della normativa vigente (l’emendamento approvato alla Camera ancora non lo è) – sulla base di delibere comunali che siano state adottate entro il 30 luglio scorso (salvo che per i Comuni siciliani, per i quali il termine è scaduto il 30 settembre). La confusione creata da questo emendamento – che mira a salvare molte delibere approvate proprio il 31 luglio, spesse volte di aumento delle aliquote – è enorme e conferma, purtroppo, una triste tradizione che si perpetua da almeno quattro anni: quella di non mettere i contribuenti neppure nelle condizioni di conoscere gli importi da versare a titolo di imposte comunali, cambiando le carte in tavola sino all’ultimo giorno. Si tratta di un modo di legiferare che un Paese civile non può tollerare”.