Local Tax, Padoan: Dal 2016 la tassa unica senza aumenti

Occorre proseguire il confronto secondo le linee programmatiche della Local Tax, che ha trovato la piena collaborazione dell’Anci” ha proseguito Padoan nel suo intervento, mostrandosi seriamente intenzionato a prevedere nella Legge di Stabilità 2016, l’introduzione di una tassa unica che avrà il compito di fondere l’IMU, la TASI e tutti gli attuali tributi locali che vanno dall’imposta di pubblicità fino all’occupazione di suolo pubblico.

Il Ministro dell’Economia in Parlamento ha colto l’occasione anche per tracciare dei punti fermi sulla nuova tassa unica comunale, come lo stop alle migliaia di detrazioni applicate quest’anno alla TASI, prevedendo invece una detrazione fissa come la “vecchia” IMU, che sarà stabilita per legge dal Governo con la sola concessione ai Comuni di poter aumentare gli sconti sul dovuto.

Quali aliquote saranno applicate alla Local Tax? E’ presto per saperlo ma il progetto sul quale il Tesoro aveva lavorato, prima dell’interruzione “a causa della ristrettezza dei tempi“, prevedeva una tassa unica sulla casa con un’aliquota base del 2,5 per mille sulle prime abitazioni elevabile fino ad un massimo del 5 per mille da parte degli Enti, mentre per le seconde abitazioni il piano interrotto prevedeva un’aliquota massima del 12 per mille, di poco più alta rispetto a quella attuale.

L’operazione Local Tax è ripartita, ora non resta che attendere ulteriori novità.

Leggi anche: