Tarsu differenziata per gli alberghi: legittima per la Cassazione

Sono dunque legittime le delibere comunali in cui la categoria alberghiera è assoggettata ad una tariffa TARSU notevolmente superiore a quella applicabile alle abitazioni.

La Cassazione sottolinea nella sentenza che il carattere stagionale dell’attività non assume alcun rilievo a tal proposito, ma può solo, eventualmente, offrire la possibilità all’Ente impositore di stabilire delle riduzioni in relazione alla tipologia dei rifiuti smaltiti e alle modalità di utilizzo della struttura alberghiera.

Il ricorso del Comune di Palermo contro una sentenza della Commissione tributaria regionale che aveva annullato, su richiesta dell’albergo interessato, una cartella di pagamento Tarsu del 2006, è stato così accolto.