Ultime notizie

AIRBNB, ECCO I CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

AIRBNB, ECCO I CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

12 Ottobre 2017

A quali contratti si applica la nuova disciplina sulle locazioni brevi, chi sono gli attori coinvolti, cosa devono fare...

LE TASSE SUGLI IMMOBILI SI PAGANO DALL'ACCATASTAMENTO

LE TASSE SUGLI IMMOBILI SI PAGANO DALL'ACCATASTAMENTO

09 Ottobre 2017

I fabbricati sono soggetti al pagamento dei tributi fin dal momento in cui risultano iscritti al catasto. Lo ha...

POZZUOLI, SCONTO DEL 15% SULLA TARI 2017

POZZUOLI, SCONTO DEL 15% SULLA TARI 2017

30 Settembre 2017

I contribuenti di Pozzuoli hanno ottenuto una netta riduzione della Tari, rispetto al 2016. E gli stessi contribuenti hanno...

TRIBUTI, LE SOMME DOVUTE AGLI ENTI LOCALI NON POSSONO PIU’ ESSERE INCASSATE DAI CONCESSIONARI

TRIBUTI, LE SOMME DOVUTE AGLI ENTI LOCALI NON POSSONO PIU’ ESSERE INCASSATE DAI CONCESSIONARI

27 Settembre 2017

Dal 1° ottobre prossimo i concessionari non potranno più incassare sui conti a loro intestati le somme dovute dai...

Notizie

“E’ un programma molto semplice e intuitivo che sta avendo un successo enorme”: Giulio Bifani, dirigente responsabile dell’Ufficio Tributi del Comune di Sorrento, commenta così la recente introduzione della funzionalità PAgoPa su Tourist Tax, il software di Advanced Systems.

I contribuenti interessati a risolvere le controversie tributarie pendenti, in cui è coinvolta l’Agenzia delle Entrate, possono farlo entro il 2 ottobre 2017 pagando un importo agevolato. Con un provvedimento del direttore dell’Agenzia, firmato il 21 luglio scorso, è stato approvato il modello di domanda per la definizione con le relative istruzioni.  

“Con LINKmate il Comune favorisce l’autonomia dei cittadini nel settore dei tributi”. L’assessore al Bilancio del Comune di Lecco Anna Mazzoleni, raggiunta telefonicamente, si sofferma sui vantaggi della piattaforma informatica di Advanced Systems per i circa 23000 contribuenti – relativamente alla Tari- del comune lombardo. 

A Lecco si avvicina la scadenza della prima rata della Tari 2017 e l’amministrazione comunale ricorda ai contribuenti tutti i benefici che possono avere avvalendosi di LINKmate.

Invitiamo i cittadini ad utilizzare il nuovo sistema elettronico che permette un accesso semplice e veloce, evitando di perdere tempo agli sportelli, comunque a disposizione dell’utenza – spiega Anna Mazzoleni, assessore al Bilancio del Comune di Lecco

E’ prevista per domani, venerdì 16 giugno 2017, la scadenza dell’acconto Imu e Tasi. Il calcolo sarà piuttosto semplice. Per il 2017 è rimasto tutto invariato rispetto allo scorso anno. E’ ancora in vigore, infatti, il blocco dei tributi locali, che vieta gli aumenti delle aliquote.

Dal primo luglio 2017 le tasse ipotecarie ed i tributi speciali catastali si pagano anche con nuovi strumenti alternativi al contante.

Il Comune di Samarate, nel Varesotto, ha scelto LINKmate. Lo sportello telematico di Advanced Systems è stato presentato alla cittadinanza nel corso di una conferenza stampa cui hanno partecipato il sindaco Leonardo Tarantino, l’assessore ai Servizi al cittadino Laura Moi ed il responsabile dell’Ufficio Tributi Paolo Pastori.

I coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola non devono presentare ai Comuni la dichiarazione Imu in relazione all’esenzione totale dalla stessa Imu, di cui usufruiscono dal 2016.

A Rapallo la scadenza dell’acconto di Imu e Tasi 2017 è molto vicina a quella della tassa sui rifiuti. “Il 15 maggio scorso- spiega il dirigente dell'Area Finanziaria Antonio Manfredi- è scaduta la prima rata della Tari. Entro il 16 giugno, come è noto, è previsto il pagamento di Imu e Tasi.

Non avete effettuato il versamento dell’acconto Imu e Tasi entro la scadenza del 16 giugno? Potrete rimediare anche subito utilizzando CALCOLOIUC2017. 

Entro il 16 giugno prossimo bisognerà pagare l’acconto per Imu e Tasi 2017. Gli acconti possono essere calcolati sulla base delle aliquote e delle detrazioni deliberate dai Comuni nel 2016. I contribuenti, quindi, dovranno versare il 50% di quanto pagato nel 2016.

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.