Ultime notizie

ANTIEVASIONE, POCHE SEGNALAZIONI AL FISCO DA PARTE DEI COMUNI

ANTIEVASIONE, POCHE SEGNALAZIONI AL FISCO DA PARTE DEI COMUNI

30 Settembre 2016

La collaborazione tra i Comuni e il Fisco nella lotta all’evasione fiscale, relativamente ai tributi erariali, non ha ancora...

LINKMATE, UNO STRUMENTO ESSENZIALE PER LA GESTIONE DEI TRIBUTI A BERGAMO

LINKMATE, UNO STRUMENTO ESSENZIALE PER LA GESTIONE DEI TRIBUTI A BERGAMO

15 Settembre 2016

Tra gli strumenti principali utilizzati dal Comune di Bergamo per la gestione dei servizi tributari, c'è LINKMATE. I dettagli...

IMU, PER L'OMESSA DICHIARAZIONE LA SANZIONE SCATTA OGNI ANNO

IMU, PER L'OMESSA DICHIARAZIONE LA SANZIONE SCATTA OGNI ANNO

13 Settembre 2016

La violazione dell'obbligo di dichiarazione Imu si ripete nel corso degli anni, fino a quando il contribuente non regolarizza...

IMU E TASI, IL PAGAMENTO E' PREVISTO ANCHE PER I TERRENI MOLTO PICCOLI

IMU E TASI, IL PAGAMENTO E' PREVISTO ANCHE PER I TERRENI MOLTO PICCOLI

11 Settembre 2016

Anche le aree senza le dimensioni minime per poter essere edificate sono soggette al pagamento di Imu e Tasi....

Calcola gli importi IMU e TASI 2016 e produci il modello f24 direttamente online in maniera semplice e veloce.

Il Mef sul proprio sito istituzionale ha pubblicato il Decreto del 25 Marzo 2015 con cui sono stati approvati i nuovi coefficienti 2015 dell'IMU e della TASI per gli immobili appartenenti alla categoria D.

I coefficienti vengono aggiornati annualmente e per l'anno in corso il valore approvato sarà identico a quello del 2014: 1,01. Essi sono necessari per la determinazione del valore dei fabbricati di cui all’articolo 5, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504, fin quando l'agenzia delle entrate non provvederà ad attribuire a questi immobili una rendita castale.

Per la determinazione della base imponibile IMU e TASI dei fabbricati di categoria D aventi queste caratteristiche non è infatti possibile far ricorso al criterio generale di determinazione dei due tributi, proprio per l'assenza di rendita catastale, ma è necessario moltiplicare i coefficienti per il valore indicato nelle scritture contabili.

Decreto del 25 Marzo 2015 (clicca qui per scaricare)

Leggi anche:

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.