Ultime notizie

AIRBNB, ECCO I CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

AIRBNB, ECCO I CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

12 Ottobre 2017

A quali contratti si applica la nuova disciplina sulle locazioni brevi, chi sono gli attori coinvolti, cosa devono fare...

LE TASSE SUGLI IMMOBILI SI PAGANO DALL'ACCATASTAMENTO

LE TASSE SUGLI IMMOBILI SI PAGANO DALL'ACCATASTAMENTO

09 Ottobre 2017

I fabbricati sono soggetti al pagamento dei tributi fin dal momento in cui risultano iscritti al catasto. Lo ha...

POZZUOLI, SCONTO DEL 15% SULLA TARI 2017

POZZUOLI, SCONTO DEL 15% SULLA TARI 2017

30 Settembre 2017

I contribuenti di Pozzuoli hanno ottenuto una netta riduzione della Tari, rispetto al 2016. E gli stessi contribuenti hanno...

TRIBUTI, LE SOMME DOVUTE AGLI ENTI LOCALI NON POSSONO PIU’ ESSERE INCASSATE DAI CONCESSIONARI

TRIBUTI, LE SOMME DOVUTE AGLI ENTI LOCALI NON POSSONO PIU’ ESSERE INCASSATE DAI CONCESSIONARI

27 Settembre 2017

Dal 1° ottobre prossimo i concessionari non potranno più incassare sui conti a loro intestati le somme dovute dai...

Con 132 voti a favore e 83 astenuti è arrivato il primo via libera dal Parlamento per il decreto sull'IMU agricola. Le due grandi novità introdotte riguardano la possibilità di rimborso per i contribuenti

In caso di pagamenti errati per l'anno 2014 e la possibilità di prevedere, dal 2015, una detrazione da 200 euro per i coltivatori diretti proprietari di terreni situati in quei Comuni che erano prima esenti e ora non più. Prevista anche l'esenzione per le "piccole isole" come Ischia, le Eolie, Pantelleria e le isole pontine.

Il Sole 24 Ore mette in evidenza come sui terreni agricoli è andato tutto come previsto, gli emendamenti sono stati approvati nonostante l'opposizione di Forza Italia, Lega e M5S che hanno provato ad abolire completamente l'imposta sui terreni. Tra di essi il più importante è sicuramente il diritto al rimborso per i contribuenti che hanno pagato l'Imu 2014 sui terreni in base al criterio altimetrico presente nel Decreto Interministeriale di novembre e poi successivamente superato dal decreto 4/2015.

"Questo diritto, in realtà, già esiste" mette pero' in evidenza il noto quotidiano economico "proprio perché le regole definitive sono quelle previste dal decreto 4/2015, che impongono il pagamento generalizzato dell'Imu sui terreni nei Comuni «non montani» e nei Comuni «parzialmente montani» lo riservano ai proprietari che non hanno la qualifica di coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali. L'emendamento, dunque, si limita a fare chiarezza evitando il rischio di contenziosi, ma non impone il rimborso d'ufficio per cui i contribuenti interessati dovranno fare richiesta, secondo le regole ordinarie".

Nel testo approvato in Senato è entrata anche un'altra importante novità, "la collina svantaggiata", una detrazione da 200 euro che dal 2015 sarà prevista per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli proprietari di terreni localizzati nei Comuni dove in base alle regole previste prima della riforma attuata era presente l'esenzione Imu ed ora è invece non è più prevista a seguito del nuovo quadro normativo istituito.

Leggi anche:

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.