Ultime notizie

IMU, L’AREA EDIFICABILE E’ PERTINENZIALE ANCHE SE NON VIENE DICHIARATA NELLA DENUNCIA

IMU, L’AREA EDIFICABILE E’ PERTINENZIALE ANCHE SE NON VIENE DICHIARATA NELLA DENUNCIA

19 Settembre 2017

L’area edificabile utilizzata come spazio di manovra e di stoccaggio per un capannone industriale è qualificata come pertinenziale ai...

GALLARATE, OLTRE 1500 CITTADINI HANNO GIA’ UTILIZZATO PAGOPA PER VERSARE L’IMPORTO DELLA TARI

GALLARATE, OLTRE 1500 CITTADINI HANNO GIA’ UTILIZZATO PAGOPA PER VERSARE L’IMPORTO DELLA TARI

07 Settembre 2017

A Gallarate più di 1500 contribuenti iscritti a LINKmate hanno pagato la prima rata della Tari 2017 utilizzando PagoPA,...

TRIBUTI, LE DELIBERE TARDIVE SONO VALIDE SOLO DALL'ANNO SUCCESSIVO

TRIBUTI, LE DELIBERE TARDIVE SONO VALIDE SOLO DALL'ANNO SUCCESSIVO

05 Settembre 2017

Le delibere sui tributi approvate dagli enti pubblici oltre il termine previsto dal bilancio di previsione non sono da...

AGENZIA DELLE ENTRATE, CEDOLARE CON RAVVEDIMENTO PER LA PROROGA NON COMUNICATA DI UN CONTRATTO DI LOCAZIONE

AGENZIA DELLE ENTRATE, CEDOLARE CON RAVVEDIMENTO PER LA PROROGA NON COMUNICATA DI UN CONTRATTO DI LOCAZIONE

03 Settembre 2017

Nel caso di una tardiva od omessa comunicazione della proroga di un contratto di locazione in regime di cedolare...

Anci suggerisce prima di pagare, per la scadenza prevista del 10 febbraio, di aspettare la sentenza del Tar del Lazio.

"Ai contribuenti dei Comuni, che prima erano esentati e ora secondo il nuovo decreto legge sull'IMU sono tenuti a pagare entro il 10 febbraio, va detto che in caso di mancato pagamento, in attesa del pronunciamento del Tar del Lazio (17 giugno), potranno in ogni caso mettersi in regola entro sei mesi, sostanzialmente senza sanzioni, con il cosiddetto ravvedimento operoso" si legge in un comunicato diffuso dall'Anci Sardegna.

Come si può leggere su La Nuova Sardegna il presidente dell'Anci, Pier Sandro Scano si è detto soddisfatto dello slittamento del pagamento dell'IMU agricola al 10 febbraio e della diminuzione dei Comuni interessati al pagamento di tale imposta ma afferma che: "Noi non molliamo la presa e continueremo a contrastare la decisione del Governo sia in Parlamento che sul piano legale chiedendo di modificare il decreto legge sui terreni e portando avanti i ricorsi che saranno esaminati il 17 giugno dal Tar del Lazio". La battaglia dunque continua.

Leggi anche:

 

 

 

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.