Ultime notizie

LINKMATE, UNO STRUMENTO ESSENZIALE PER LA GESTIONE DEI TRIBUTI A BERGAMO

LINKMATE, UNO STRUMENTO ESSENZIALE PER LA GESTIONE DEI TRIBUTI A BERGAMO

15 Settembre 2016

Tra gli strumenti principali utilizzati dal Comune di Bergamo per la gestione dei servizi tributari, c'è LINKMATE. I dettagli...

IMU, PER L'OMESSA DICHIARAZIONE LA SANZIONE SCATTA OGNI ANNO

IMU, PER L'OMESSA DICHIARAZIONE LA SANZIONE SCATTA OGNI ANNO

13 Settembre 2016

La violazione dell'obbligo di dichiarazione Imu si ripete nel corso degli anni, fino a quando il contribuente non regolarizza...

IMU E TASI, IL PAGAMENTO E' PREVISTO ANCHE PER I TERRENI MOLTO PICCOLI

IMU E TASI, IL PAGAMENTO E' PREVISTO ANCHE PER I TERRENI MOLTO PICCOLI

11 Settembre 2016

Anche le aree senza le dimensioni minime per poter essere edificate sono soggette al pagamento di Imu e Tasi....

IMU E TASI, PER LE AREE EDIFICABILI PERTINENZIALI I PARERI DEI GIUDICI SONO DIVERGENTI

IMU E TASI, PER LE AREE EDIFICABILI PERTINENZIALI I PARERI DEI GIUDICI SONO DIVERGENTI

06 Settembre 2016

Un’area edificabile pertinenziale è soggetta al pagamento di Imu e Tasi, se accatastata separatamente dal fabbricato. Lo ha sancito...

Calcola gli importi IMU e TASI 2016 e produci il modello f24 direttamente online in maniera semplice e veloce.

Anci suggerisce prima di pagare, per la scadenza prevista del 10 febbraio, di aspettare la sentenza del Tar del Lazio.

"Ai contribuenti dei Comuni, che prima erano esentati e ora secondo il nuovo decreto legge sull'IMU sono tenuti a pagare entro il 10 febbraio, va detto che in caso di mancato pagamento, in attesa del pronunciamento del Tar del Lazio (17 giugno), potranno in ogni caso mettersi in regola entro sei mesi, sostanzialmente senza sanzioni, con il cosiddetto ravvedimento operoso" si legge in un comunicato diffuso dall'Anci Sardegna.

Come si può leggere su La Nuova Sardegna il presidente dell'Anci, Pier Sandro Scano si è detto soddisfatto dello slittamento del pagamento dell'IMU agricola al 10 febbraio e della diminuzione dei Comuni interessati al pagamento di tale imposta ma afferma che: "Noi non molliamo la presa e continueremo a contrastare la decisione del Governo sia in Parlamento che sul piano legale chiedendo di modificare il decreto legge sui terreni e portando avanti i ricorsi che saranno esaminati il 17 giugno dal Tar del Lazio". La battaglia dunque continua.

Leggi anche:

 

 

 

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.