Ultime notizie

AIRBNB, ECCO I CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

AIRBNB, ECCO I CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

12 Ottobre 2017

A quali contratti si applica la nuova disciplina sulle locazioni brevi, chi sono gli attori coinvolti, cosa devono fare...

LE TASSE SUGLI IMMOBILI SI PAGANO DALL'ACCATASTAMENTO

LE TASSE SUGLI IMMOBILI SI PAGANO DALL'ACCATASTAMENTO

09 Ottobre 2017

I fabbricati sono soggetti al pagamento dei tributi fin dal momento in cui risultano iscritti al catasto. Lo ha...

POZZUOLI, SCONTO DEL 15% SULLA TARI 2017

POZZUOLI, SCONTO DEL 15% SULLA TARI 2017

30 Settembre 2017

I contribuenti di Pozzuoli hanno ottenuto una netta riduzione della Tari, rispetto al 2016. E gli stessi contribuenti hanno...

TRIBUTI, LE SOMME DOVUTE AGLI ENTI LOCALI NON POSSONO PIU’ ESSERE INCASSATE DAI CONCESSIONARI

TRIBUTI, LE SOMME DOVUTE AGLI ENTI LOCALI NON POSSONO PIU’ ESSERE INCASSATE DAI CONCESSIONARI

27 Settembre 2017

Dal 1° ottobre prossimo i concessionari non potranno più incassare sui conti a loro intestati le somme dovute dai...

Dal 18 ottobre i contribuenti hanno una possibilità in più per trasmettere le dichiarazioni Imu e Tasi. Oltre al modello cartaceo, c'è anche quello telematico. Lo comunica l'Agenzia delle Entrate.

“La possibilità dell'invio telematico delle dichiarazioni Imu-Tasi Enti commerciali e Persone fisiche- spiega l'Agenzia- non sostituirà l'attuale modalità di presentazione del modello cartaceo ma costituirà un'ulteriore opzione a discrezione del contribuente. Le dichiarazioni, da inviare entro il prossimo 30 giugno 2017, riguardano l'annualità 2016. Nella sezione "Software" del sito dell'Agenzia delle Entrate, alla voce "Pacchetti applicativi - Controllo Altri Documenti", è disponibile, sia per l'ambiente MAC che per l'ambiente Windows, il relativo pacchetto "Modulo di controllo IMU TASI EC/PF 2016" (versione 1.0.0 del 17/10/2016). Tali aggiornamenti sono disponibili anche nell'ambito della piattaforma "Desktop Telematico". 

Le denunce Imu devono essere presentate entro il 30 giugno dell'anno successivo alla data di inizio di possesso o della detenzione di locali e aree. Nel caso di occupazione in comune di un immobile, la dichiarazione può essere presentata solo da uno degli obbligati. Le dichiarazioni non devono essere presentate se l'obbligo è stato già assolto e non sono intervenute delle variazioni o non sono state effettuate nuove occupazioni. La dichiarazione produce effetti anche per gli anni successivi, a meno che non si verifichino modificazioni dei dati già dichiarati, tali da determinare un diverso ammontare del tributo. In quest'ultimo caso, allo stesso modo, le variazioni devono essere presentate entro il 30 giugno dell'anno successivo. Il comma 687 della Legge di Stabilità 2014 richiede per la Tasi l'osservanza delle disposizioni dettate per la presentazione della dichiarazione Imu. Anche per la Tasi, quindi, la dichiarazione non va presentata se gli elementi rilevanti sono acquisibili attraverso la consultazione della banca dati catastale o gli enti sono già in possesso delle informazioni necessarie per verificare il corretto adempimento dell'obbligazione tributaria.

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.