Ultime notizie

RIMINI, GLI F24 PER LA SECONDA RATA DELLA TARI SI SCARICANO SU LINKMATE

RIMINI, GLI F24 PER LA SECONDA RATA DELLA TARI SI SCARICANO SU LINKMATE

22 Settembre 2017

I contribuenti di Rimini possono accedere a LINKmate per scaricare i modelli F24 relativi alla Tari 2017. “Il 30...

IMU, L’AREA EDIFICABILE E’ PERTINENZIALE ANCHE SE NON VIENE DICHIARATA NELLA DENUNCIA

IMU, L’AREA EDIFICABILE E’ PERTINENZIALE ANCHE SE NON VIENE DICHIARATA NELLA DENUNCIA

19 Settembre 2017

L’area edificabile utilizzata come spazio di manovra e di stoccaggio per un capannone industriale è qualificata come pertinenziale ai...

GALLARATE, OLTRE 1500 CITTADINI HANNO GIA’ UTILIZZATO PAGOPA PER VERSARE L’IMPORTO DELLA TARI

GALLARATE, OLTRE 1500 CITTADINI HANNO GIA’ UTILIZZATO PAGOPA PER VERSARE L’IMPORTO DELLA TARI

07 Settembre 2017

A Gallarate più di 1500 contribuenti iscritti a LINKmate hanno pagato la prima rata della Tari 2017 utilizzando PagoPA,...

TRIBUTI, LE DELIBERE TARDIVE SONO VALIDE SOLO DALL'ANNO SUCCESSIVO

TRIBUTI, LE DELIBERE TARDIVE SONO VALIDE SOLO DALL'ANNO SUCCESSIVO

05 Settembre 2017

Le delibere sui tributi approvate dagli enti pubblici oltre il termine previsto dal bilancio di previsione non sono da...

I terreni agricoli che diventano edificabili possono essere venduti dall’imprenditore agricolo scontando l’imposta di registro proporzionale invece dell’Iva. Lo ha precisato la Corte di Cassazione in un’ordinanza del 6 giugno scorso.

Con l’ordinanza la Corte rigetta il ricorso dell’Agenzia delle Entrate che sosteneva l’applicazione dell’Iva e quindi dell’Irap. Secondo i giudici il terreno, divenendo edificabile, perde la sua qualità di bene strumentale per l’impresa e, pertanto, non rientra tra le operazioni imponibili ai fini Iva, di cui al Dpr 633/1972.

La Cassazione ha accolto in tutti e tre i gradi di giudizio la tesi di un contribuente, che aveva omesso l’applicazione dell’Iva, a fronte di una cessione di terreni suscettibili di utilizzazione edificatoria, posseduti come imprenditore agricolo. La decisione dello stesso imprenditore di escludere il terreno (divenuto edificabile a seguito di modifica del piano regolatore) ha tolto- secondo i giudici- “in via definitiva” ad esso il “carattere originario di bene strumentale”, con conseguente assoggettamento del relativo atto di cessione all’imposta di registro. La questione, comunque, è piuttosto controversa. La Suprema Corte già in passato si è espressa sul tema dell’assoggettabilità ad Iva della cessione di terreni edificabili, esprimendo talvolta parere favorevole ed altre volte parere contrario. L’ultima ordinanza considera un’ipotesi secondo cui i giudici di secondo grado avevano giustificato l’esclusione da Iva in quanto il terreno aveva una superficie modesta, adiacente le abitazioni, e perciò risultava estraneo all’esercizio dell’impresa agricola. Ma, se un terreno suscettibile di utilizzazione edificatoria ha una dimensione rilevante e viene normalmente coltivato anche al momento della vendita, sussiste la strumentalità all’esercizio dell’attività agricola e quindi l’assoggettamento ad Iva dovrebbe essere obbligatorio.   

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.