Ultime notizie

IMU E TASI 2017, IL RAVVEDIMENTO E’ UN’OPERAZIONE SEMPLICISSIMA CON CALCOLOIUC

IMU E TASI 2017, IL RAVVEDIMENTO E’ UN’OPERAZIONE SEMPLICISSIMA CON CALCOLOIUC

17 Giugno 2017

Non avete effettuato il versamento dell’acconto Imu e Tasi entro la scadenza del 16 giugno? Potrete rimediare anche subito...

IMU E TASI 2017, ECCO IL RIEPILOGO DI TUTTE LE NORME PER L’ACCONTO DEL 16 GIUGNO

IMU E TASI 2017, ECCO IL RIEPILOGO DI TUTTE LE NORME PER L’ACCONTO DEL 16 GIUGNO

15 Giugno 2017

E’ prevista per domani, venerdì 16 giugno 2017, la scadenza dell’acconto Imu e Tasi. Il calcolo sarà piuttosto semplice....

L’ASSESSORE DEL COMUNE DI SAMARATE LAURA MOI: “LINKMATE E’ UN VESTITO CUCITO ADDOSSO AL CITTADINO”

L’ASSESSORE DEL COMUNE DI SAMARATE LAURA MOI: “LINKMATE E’ UN VESTITO CUCITO ADDOSSO AL CITTADINO”

08 Giugno 2017

Il Comune di Samarate, nel Varesotto, ha scelto LINKmate. Lo sportello telematico di Advanced Systems è stato presentato alla...

IMU E TASI 2017, A RAPALLO 1000 ISCRIZIONI A LINKMATE IN VISTA DELL’ACCONTO

IMU E TASI 2017, A RAPALLO 1000 ISCRIZIONI A LINKMATE IN VISTA DELL’ACCONTO

06 Giugno 2017

A Rapallo la scadenza dell’acconto di Imu e Tasi 2017 è molto vicina a quella della tassa sui rifiuti....

I terreni agricoli che diventano edificabili possono essere venduti dall’imprenditore agricolo scontando l’imposta di registro proporzionale invece dell’Iva. Lo ha precisato la Corte di Cassazione in un’ordinanza del 6 giugno scorso.

Con l’ordinanza la Corte rigetta il ricorso dell’Agenzia delle Entrate che sosteneva l’applicazione dell’Iva e quindi dell’Irap. Secondo i giudici il terreno, divenendo edificabile, perde la sua qualità di bene strumentale per l’impresa e, pertanto, non rientra tra le operazioni imponibili ai fini Iva, di cui al Dpr 633/1972.

La Cassazione ha accolto in tutti e tre i gradi di giudizio la tesi di un contribuente, che aveva omesso l’applicazione dell’Iva, a fronte di una cessione di terreni suscettibili di utilizzazione edificatoria, posseduti come imprenditore agricolo. La decisione dello stesso imprenditore di escludere il terreno (divenuto edificabile a seguito di modifica del piano regolatore) ha tolto- secondo i giudici- “in via definitiva” ad esso il “carattere originario di bene strumentale”, con conseguente assoggettamento del relativo atto di cessione all’imposta di registro. La questione, comunque, è piuttosto controversa. La Suprema Corte già in passato si è espressa sul tema dell’assoggettabilità ad Iva della cessione di terreni edificabili, esprimendo talvolta parere favorevole ed altre volte parere contrario. L’ultima ordinanza considera un’ipotesi secondo cui i giudici di secondo grado avevano giustificato l’esclusione da Iva in quanto il terreno aveva una superficie modesta, adiacente le abitazioni, e perciò risultava estraneo all’esercizio dell’impresa agricola. Ma, se un terreno suscettibile di utilizzazione edificatoria ha una dimensione rilevante e viene normalmente coltivato anche al momento della vendita, sussiste la strumentalità all’esercizio dell’attività agricola e quindi l’assoggettamento ad Iva dovrebbe essere obbligatorio.   

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.