Ultime notizie

L’ASSESSORE DI LECCO ANNA MAZZOLENI A RISCOTEL.IT: “GRAZIE A  LINKMATE I CITTADINI SONO INDIPENDENTI E IL COMUNE RISPARMIA TEMPO E PERSONALE”

L’ASSESSORE DI LECCO ANNA MAZZOLENI A RISCOTEL.IT: “GRAZIE A LINKMATE I CITTADINI SONO INDIPENDENTI E IL COMUNE RISPARMIA TEMPO...

20 Luglio 2017

“Con LINKmate il Comune favorisce l’autonomia dei cittadini nel settore dei tributi”. L’assessore al Bilancio del Comune di Lecco...

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI LECCO AI CITTADINI: “UTILIZZATE LINKMATE ED EVITERETE DI PERDERE TEMPO AGLI SPORTELLI”

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI LECCO AI CITTADINI: “UTILIZZATE LINKMATE ED EVITERETE DI PERDERE TEMPO AGLI SPORTELLI”

11 Luglio 2017

A Lecco si avvicina la scadenza della prima rata della Tari 2017 e l’amministrazione comunale ricorda ai contribuenti tutti...

AGENZIA DELLE ENTRATE, I TRIBUTI SPECIALI CATASTALI SI PAGANO ANCHE CON MODALITÀ ALTERNATIVE AI CONTANTI

AGENZIA DELLE ENTRATE, I TRIBUTI SPECIALI CATASTALI SI PAGANO ANCHE CON MODALITÀ ALTERNATIVE AI CONTANTI

09 Luglio 2017

Dal primo luglio 2017 le tasse ipotecarie ed i tributi speciali catastali si pagano anche con nuovi strumenti alternativi...

ESENZIONI IMU, NIENTE DICHIARAZIONI PER COLTIVATORI DIRETTI E IAP

ESENZIONI IMU, NIENTE DICHIARAZIONI PER COLTIVATORI DIRETTI E IAP

09 Luglio 2017

I coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola non devono presentare ai Comuni la dichiarazione...

I contribuenti che non hanno ancora pagato IMU e TASI 2016- o hanno pagato solo in parte- possono usufruire del ravvedimento. Dal 1° gennaio scorso, sono previste sanzioni più lievi per i ritardatari. Con il ravvedimento spontaneo, per i ritardi fino a 14 giorni- cosiddetto “ravvedimento sprint”- si applica da quest'anno la sanzione giornaliera dello 0,1%, anziché dello 0,2%, come avveniva fino al 31 dicembre 2015.

La misura varia, perciò, dallo 0,1% per un giorno di ritardo, fino all'1,40% per 14 giorni di ritardo. Il ravvedimento sprint per Imu e Tasi 2016 vale, quindi, dal 17 al 30 giugno 2016.

Per i ritardi da 15 a 30 giorni, si applica la sanzione dell'1,5% fisso, invece del 3%. Per Imu e Tasi 2016, la sanzione dell'1,5% è un caso che vale dal 1° al 16 luglio 2016.

Per i ritardi da 31 a 90 giorni, la sanzione è dell'1,67%, anziché del 3,33%. Quest'ultimo caso riguarda i versamenti dal 17 luglio al 14 settembre 2016. Considerato che il pagamento della prima rata doveva essere effettuato entro il 16 giugno 2016, per fruire del ravvedimento, c'è tempo, quindi, fino al 14 settembre. Come ultima alternativa, i contribuenti possono avvalersi del ravvedimento lungo, entro un anno, con una sanzione del 3,75%.

Oltre alle somme dovute ed alle mini-sanzioni, ci sono anche gli interessi legali, fissati nella misura dello 0,2% annuo, applicabile dal giorno successivo alla scadenza del pagamento, fino al giorno in cui si paga con il ravvedimento. Anche per sanare i versamenti carenti, il contribuente può avvalersi del ravvedimento, pagando la sanzione solo sulla parte di versamento non effettuata.

Senza ravvedimento, comunque, per i pagamenti eseguiti entro 90 giorni, gli uffici delle Entrate e degli enti locali dovranno applicare la sanzione dell'1% giornaliero, per ritardi fino a 14 giorni, e del 15% fisso, per ritardi da 15 a 90 giorni. Resta ferma la sanzione del 30% fisso per ritardi superiori ai 90 giorni.   

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.