Ultime notizie

EQUITALIA, ECCO IL VADEMECUM PER ADERIRE ALL’ISTANZA DI DEFINIZIONE AGEVOLATA

EQUITALIA, ECCO IL VADEMECUM PER ADERIRE ALL’ISTANZA DI DEFINIZIONE AGEVOLATA

23 Marzo 2017

Le domande per aderire alla definizione agevolata si susseguono ininterrottamente. Ma sulle norme che la riguardano gli addetti ai...

AGENZIA DELLE ENTRATE, RAVVEDIMENTO OPEROSO CON SANZIONI RIDOTTE PER CHI DIMENTICA DI PRESENTARE L'F24 A SALDO ZERO

AGENZIA DELLE ENTRATE, RAVVEDIMENTO OPEROSO CON SANZIONI RIDOTTE PER CHI DIMENTICA DI PRESENTARE L'F24 A SALDO ZERO

20 Marzo 2017

I contribuenti che compensano crediti e imposte e presentano in ritardo il modello F24 a saldo zero possono mettersi...

AGENZIA DELLE ENTRATE, GLI AVVISI DI ACCERTAMENTO SARANNO NOTIFICATI AI CONTRIBUENTI VIA PEC

AGENZIA DELLE ENTRATE, GLI AVVISI DI ACCERTAMENTO SARANNO NOTIFICATI AI CONTRIBUENTI VIA PEC

20 Marzo 2017

Dal 1° luglio 2017 gli avvisi di accertamento e gli altri atti emessi dall'Agenzia delle Entrate potranno essere notificati...

CalcoloIUC 2017 è online: si può calcolare il dovuto Imu-Tasi anche per il nuovo anno d'imposta

CalcoloIUC 2017 è online: si può calcolare il dovuto Imu-Tasi anche per il nuovo anno d'imposta

14 Marzo 2017

Anche nel 2017 continua la collaborazione tra Advanced Systems Srl e Anutel per supportare i Comuni al fine di...

Per gli immobili concessi in locazione a canone concordato è prevista, da quest'anno, una riduzione del 25% della base imponibile di Imu e Tasi. La riduzione riguarda gli immobili locati a canone concordato, secondo la legge 431 del 1998.

È sufficiente l'esistenza di un contratto di locazione convenzionato, nel rispetto degli accordi definiti in sede locale tra le organizzazioni della propeità edilizia e quelle dei conduttori maggiormente rappresentative. Per l'aliquota da applicare, vale come esempio una precisazione del MEF. Si consideri il caso in cui un Comune abbia previsto due aliquote, di cui una agevolata (del 7,6 per mille) per i canoni concordati a condizione che l'alloggio sia l'abitazione principale dell'inquilino, ed un'altra ordinaria (del 10,6 per mille) per l'eventualità in cui l'inquilino non abbia fissato la residenza e dimora in tale casa. Una volta determinata l'imposta dovuta in relazione alle due fattispecie (applicando, quindi, alla prima l'aliquota del 7,6 per mille e alla seconda l'aliquota del 10,6 per mille) entrambe godranno della riduzione del 25%. In ogni caso, la riduzione si applica sull'imposta calcolata sull'aliquota comunale prevista per i canoni concordati o, in assenza, con l'aliquota che il Comune ha fissato per gli immobili locati. Inoltre, se la casa affittata (purché non di lusso) è l'abitazione principale dell'inquilino, quest'ultimo sarà esonerato dal pagamento della TASI, diversamente dal passato in cui era chiamato a pagare l'imposta nella percentuale fissata dal Comune tra il 10 e il 30 per cento.      

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.