Ultime notizie

IMU, L’AREA EDIFICABILE E’ PERTINENZIALE ANCHE SE NON VIENE DICHIARATA NELLA DENUNCIA

IMU, L’AREA EDIFICABILE E’ PERTINENZIALE ANCHE SE NON VIENE DICHIARATA NELLA DENUNCIA

19 Settembre 2017

L’area edificabile utilizzata come spazio di manovra e di stoccaggio per un capannone industriale è qualificata come pertinenziale ai...

GALLARATE, OLTRE 1500 CITTADINI HANNO GIA’ UTILIZZATO PAGOPA PER VERSARE L’IMPORTO DELLA TARI

GALLARATE, OLTRE 1500 CITTADINI HANNO GIA’ UTILIZZATO PAGOPA PER VERSARE L’IMPORTO DELLA TARI

07 Settembre 2017

A Gallarate più di 1500 contribuenti iscritti a LINKmate hanno pagato la prima rata della Tari 2017 utilizzando PagoPA,...

TRIBUTI, LE DELIBERE TARDIVE SONO VALIDE SOLO DALL'ANNO SUCCESSIVO

TRIBUTI, LE DELIBERE TARDIVE SONO VALIDE SOLO DALL'ANNO SUCCESSIVO

05 Settembre 2017

Le delibere sui tributi approvate dagli enti pubblici oltre il termine previsto dal bilancio di previsione non sono da...

AGENZIA DELLE ENTRATE, CEDOLARE CON RAVVEDIMENTO PER LA PROROGA NON COMUNICATA DI UN CONTRATTO DI LOCAZIONE

AGENZIA DELLE ENTRATE, CEDOLARE CON RAVVEDIMENTO PER LA PROROGA NON COMUNICATA DI UN CONTRATTO DI LOCAZIONE

03 Settembre 2017

Nel caso di una tardiva od omessa comunicazione della proroga di un contratto di locazione in regime di cedolare...

I ristori concessi dal governo, in seguito ai cambiamenti introdotti nella tassazione immobiliare, per alcuni Comuni non corrispondono all'effettivo gettito del 2015. Perciò da molti enti arriva un appello allo stesso governo a compensare le risorse mancanti, attraverso una nuova distribuzione di fondi. E' il caso del Comune di Rimini. La dirigente Ivana Manduchi, responsabile U.O. Tributi sugli immobili e federalismo municipale, illustra le differenze tra i ristori e le risorse incassate un anno fa. “Abbiamo rilevato circa un milione di euro in meno, rispetto a quanto ci spettava”, spiega la Manduchi.

Il mancato rimborso riguarda la Tasi sull'abitazione principale?

“Abbiamo riscontrato le differenze più cospicue per i comodati e per i canoni concordati. Per la Tasi, invece, il ristoro è di poco inferiore al gettito”.

Quali sono le cifre?

“Per i comodati ed i canoni concordati, ci è stato concesso un rimborso che corrisponde a una cifra compresa tra i 700mila e gli 800mila euro in meno. Per la Tasi, il ristoro è inferiore di soli 50mila euro perché, invece degli 11milioni850mila euro che avevamo previsto, ci sono stati ristorati 11milioni800mila. Una differenza piuttosto lieve. Ma, aggiungendola a quella su comodati e canoni concordati- e ad un'altra piccola cifra per i terreni agricoli- si determina un totale di circa 1 milione di euro in meno. Ci dovrebbe essere un'integrazione da parte del governo per compensare i comuni che hanno avuto un ristoro minore. Era stata annunciata per questo mese e, come noi, la aspettano tanti altri Comuni. Intanto, a Rimini, ci stiamo preparando per presentare al Ministero delle relazioni con l'obiettivo di dimostrare che quello che ci viene attribuito corrisponde ad un minore gettito, rispetto a quanto avevamo previsto”.

Ci sono molte abitazioni concesse in comodato a Rimini?

“Sono molto frequenti i comodati, così come i canoni concordati. Tenga conto che il 45% del nostro patrimonio immobiliare corrisponde alle seconde abitazioni. Con le nuove norme, ci potrebbero essere problemi applicativi proprio perché si tratta, appunto, di una novità. Ci saranno tanti casi particolari da affrontare. Però giudico positivamente le agevolazioni introdotte perché possono servire a regolarizzare tante situazioni che nascondono, a volte, il sommerso. I proprietari, in virtù delle novità, dovrebbero essere invogliati a non ricorrere ai fitti al nero o a non tenere le case sfitte”.   

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.