Ultime notizie

AIRBNB, ECCO I CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

AIRBNB, ECCO I CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

12 Ottobre 2017

A quali contratti si applica la nuova disciplina sulle locazioni brevi, chi sono gli attori coinvolti, cosa devono fare...

LE TASSE SUGLI IMMOBILI SI PAGANO DALL'ACCATASTAMENTO

LE TASSE SUGLI IMMOBILI SI PAGANO DALL'ACCATASTAMENTO

09 Ottobre 2017

I fabbricati sono soggetti al pagamento dei tributi fin dal momento in cui risultano iscritti al catasto. Lo ha...

POZZUOLI, SCONTO DEL 15% SULLA TARI 2017

POZZUOLI, SCONTO DEL 15% SULLA TARI 2017

30 Settembre 2017

I contribuenti di Pozzuoli hanno ottenuto una netta riduzione della Tari, rispetto al 2016. E gli stessi contribuenti hanno...

TRIBUTI, LE SOMME DOVUTE AGLI ENTI LOCALI NON POSSONO PIU’ ESSERE INCASSATE DAI CONCESSIONARI

TRIBUTI, LE SOMME DOVUTE AGLI ENTI LOCALI NON POSSONO PIU’ ESSERE INCASSATE DAI CONCESSIONARI

27 Settembre 2017

Dal 1° ottobre prossimo i concessionari non potranno più incassare sui conti a loro intestati le somme dovute dai...

I contratti di comodato redatti verbalmente potranno essere registrati fino al 1° marzo prossimo, per poter beneficiare già dal 1° gennaio 2016 dello sconto del 50% su Imu e Tasi, per le case concesse in comodato dai genitori ai figli e viceversa.

Lo si apprende dalla risposta fornita dal Minisero dell'Economia e delle Finanze ad un quesito della Cna. Essendo un nuovo adempimento, infatti, per il Mef vale l'articolo 3, comma 2 dello Statuto del contribuente, secondo il quale la scadenza dei nuovi obblighi tributari non può essere fissata prima del 60esimo giorno dalla loro entrata in vigore, appunto il 1° marzo (60 giorni a partire dal 1° gennaio 2016).

Per coloro che hanno redatto il contratto in forma scritta senza registrarlo, invece, resta l'obbligo di registrazione entro 20 giorni dalla stipula. La data ultima- precisa il Mef- per poter far valere il beneficio dal 1° gennaio è il 16 dello stesso mese. E perciò il termine massimo era fissato al 5 febbraio scorso. “Ma la questione della registrazione entro il 5 febbraio- si legge sul “Sole24Ore”- è quasi superata per i comodati, perché è facile prevedere che chi aveva stipulato un contratto scritto senza registrarlo strapperà il cartaceo e registrerà l'accordo verbale entro il 1° marzo”. Restano, comunque, ferme le regole per ottenere l'agevolazione del 50% della base imponibile di Imu e Tasi sui comodati. I requisiti sono i seguenti: la casa deve essere accatastata in una categoria diversa da quelle di pregio e il contratto di comodato deve essere registrato. Nello stesso tempo, è necessario che il comodatario la utilizzi come abitazione principale. Infine, il comodante deve essere residente nello stesso Comune in cui si trova la casa in comodato e deve possedere al massimo l'abitazione principale oltre a quella concessa in comodato. Ma quest'ultima norma si applica solo per gli immobili ad uso abitativo. La norma non vale, ad esempio, per negozi e terreni.  

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.