Ultime notizie

COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA, ARRIVA LINKMATE

COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA, ARRIVA LINKMATE

09 Gennaio 2017

Il 19 gennaio prossimo il Comune di Falconara Marittima presenterà ufficialmente LINKmate alla cittadinanza, ai CAF ed ai commercialisti...

ROTTAMAZIONE DELLE INGIUNZIONI, A PESARO SI AFFIDERANNO AD UN APPLICATIVO DI ADVANCED SYSTEMS

ROTTAMAZIONE DELLE INGIUNZIONI, A PESARO SI AFFIDERANNO AD UN APPLICATIVO DI ADVANCED SYSTEMS

08 Gennaio 2017

Il Comune di Pesaro si sta organizzando per effettuare la rottamazione delle ingiunzioni nel 2017. E, per farlo, utilizzerà...

A VERONA 128000 ACCESSI DEI CONTRIBUENTI A LINKMATE

A VERONA 128000 ACCESSI DEI CONTRIBUENTI A LINKMATE

30 Dicembre 2016

Sul portale del Comune di Verona sono stati registrati ben 128000 accessi a LINKmate per Imu e Tasi. Lo...

Nuovo saggio di interesse legale nel 2017: CalcoloIUC è stato aggiornato

Nuovo saggio di interesse legale nel 2017: CalcoloIUC è stato aggiornato

28 Dicembre 2016

A partire dal 1° gennaio 2017 il saggio di interesse legale sarà fissato allo 0,1%. A stabilirlo è stato...

Il Comune di Napoli si prepara a dire addio a Equitalia per la riscossione dei tributi locali e annuncia la nascita di un nuovo soggetto pubblico. Dal prossimo mese di maggio sarà attiva “Napoli riscossione”.

Lo annunciano il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e l'assessore al Bilancio Salvatore Palma. “Napoli riscossione” partirà occupandosi delle entrate comunali per poi rimpiazzare Equitalia nelle riscossioni di pertinenza del Comune, dalla Tari alle contravvenzioni al Codice della Strada.

“Partire adesso- spiega l'assessore Palma- significa completare il ciclo dei servizi della nuova società entro il 2017. Però già quest'anno saremo in grado di erogare servizi alla cittadinanza e servizi al Comune attraverso questo nuovo organismo. C'è una diatriba in atto in questo momento sulla costituzionalità o meno dell'aggio che Equitalia prende dai contribuenti. Noi riteniamo di poter recuperare l'aggio in capo ai cittadini solo quando è coattivo, cioè dopo i 60 giorni di scadenza del termine. In quel caso l'azione di riscossione e gli oneri, che essa genera, possono essere addebitati al cittadino. Ma, se il cittadino paga regolarmente, non subirà- conclude l'assessore- ulteriori costi”.

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.