Ultime notizie

IMU, L’AREA EDIFICABILE E’ PERTINENZIALE ANCHE SE NON VIENE DICHIARATA NELLA DENUNCIA

IMU, L’AREA EDIFICABILE E’ PERTINENZIALE ANCHE SE NON VIENE DICHIARATA NELLA DENUNCIA

19 Settembre 2017

L’area edificabile utilizzata come spazio di manovra e di stoccaggio per un capannone industriale è qualificata come pertinenziale ai...

GALLARATE, OLTRE 1500 CITTADINI HANNO GIA’ UTILIZZATO PAGOPA PER VERSARE L’IMPORTO DELLA TARI

GALLARATE, OLTRE 1500 CITTADINI HANNO GIA’ UTILIZZATO PAGOPA PER VERSARE L’IMPORTO DELLA TARI

07 Settembre 2017

A Gallarate più di 1500 contribuenti iscritti a LINKmate hanno pagato la prima rata della Tari 2017 utilizzando PagoPA,...

TRIBUTI, LE DELIBERE TARDIVE SONO VALIDE SOLO DALL'ANNO SUCCESSIVO

TRIBUTI, LE DELIBERE TARDIVE SONO VALIDE SOLO DALL'ANNO SUCCESSIVO

05 Settembre 2017

Le delibere sui tributi approvate dagli enti pubblici oltre il termine previsto dal bilancio di previsione non sono da...

AGENZIA DELLE ENTRATE, CEDOLARE CON RAVVEDIMENTO PER LA PROROGA NON COMUNICATA DI UN CONTRATTO DI LOCAZIONE

AGENZIA DELLE ENTRATE, CEDOLARE CON RAVVEDIMENTO PER LA PROROGA NON COMUNICATA DI UN CONTRATTO DI LOCAZIONE

03 Settembre 2017

Nel caso di una tardiva od omessa comunicazione della proroga di un contratto di locazione in regime di cedolare...

All'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Napoli si sono imbattuti nelle difficoltà in cui si trovano parecchi contribuenti per il saldo Imu e Tasi 2015. “Molti dei nostri assistiti- spiega Immacolata Vasaturo, consigliere delegato per il fisco dello stesso Ordine- hanno deciso di rimandare il versamento, affidandosi al ravvedimento operoso.

In alcuni casi, non c'è una disponibilità economica sufficiente a pagare il saldo. I problemi riguardano anzitutto i lavoratori autonomi. Anche le modalità di pagamento creano problemi perché tanti non sanno ancora usare l'home banking. E, nello stesso tempo, i contanti scarseggiano”. I Dottori Commercialisti, pur essendo ancora impegnati con il saldo, proiettano per un attimo lo sguardo verso il 2016. “L'unico pensiero che può sollevare il contribuente in questo momento - spiega il presidente Vincenzo Moretta- è che dall'anno prossimo la Tasi non ci sarà più. Resta però una preoccupazione per l’eventuale aggravio degli oneri fiscali con la possibile introduzione di altri tributi”. Le scadenze di fine anno, però, sono tante cosicché si torna a parlare del presente. “C'è una sovrapposizione di appuntamenti con il fisco- riprende la Vasaturo- che rende tutto più difficile. Il 30 novembre c'è stata la scadenza del versamento del secondo acconto Irpef. Ora, il saldo Imu e Tasi. E poi ci sarà per le aziende l'acconto Iva di fine anno. Troppi oneri in pochissimo tempo”. Per gli enti locali la situazione è sempre più ingarbugliata. “Con l’abolizione della Tasi - riprende la Vasaturo- i Comuni si trovano tra incudine e martello. Da un lato i cittadini sono tartassati e perciò le imposte provocano malumori. Dall'altro lato, ci sono i tagli da parte dello Stato. I Comuni per gestire gli uffici tributi avrebbero bisogno di personale ma non possono assumere per i vincoli del patto di Stabilità. E' un discorso che riguarda tanto i grandi Comuni come Napoli quanto quelli più piccoli, come ad esempio, Sant’Agnello, dove ho potuto verificarlo, essendo revisore dei conti. Queste carenze degli uffici Tributi si ripercuotono sui cittadini. Ad esempio, quando si riceve un avviso di accertamento Imu è pressoché impossibile parlare con un dirigente. Si deposita l’istanza- conclude la Vasaturo- e poi non succede nulla”.    

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.