Ultime notizie

AIRBNB, ECCO I CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

AIRBNB, ECCO I CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

12 Ottobre 2017

A quali contratti si applica la nuova disciplina sulle locazioni brevi, chi sono gli attori coinvolti, cosa devono fare...

LE TASSE SUGLI IMMOBILI SI PAGANO DALL'ACCATASTAMENTO

LE TASSE SUGLI IMMOBILI SI PAGANO DALL'ACCATASTAMENTO

09 Ottobre 2017

I fabbricati sono soggetti al pagamento dei tributi fin dal momento in cui risultano iscritti al catasto. Lo ha...

POZZUOLI, SCONTO DEL 15% SULLA TARI 2017

POZZUOLI, SCONTO DEL 15% SULLA TARI 2017

30 Settembre 2017

I contribuenti di Pozzuoli hanno ottenuto una netta riduzione della Tari, rispetto al 2016. E gli stessi contribuenti hanno...

TRIBUTI, LE SOMME DOVUTE AGLI ENTI LOCALI NON POSSONO PIU’ ESSERE INCASSATE DAI CONCESSIONARI

TRIBUTI, LE SOMME DOVUTE AGLI ENTI LOCALI NON POSSONO PIU’ ESSERE INCASSATE DAI CONCESSIONARI

27 Settembre 2017

Dal 1° ottobre prossimo i concessionari non potranno più incassare sui conti a loro intestati le somme dovute dai...

Per le abitazioni affittate attraverso i contratti “concordati” scatterà l'anno prossimo una riduzione del 25% per Imu e Tasi, rispetto alle aliquote stabilite per il 2015 dai singoli Comuni. Lo prevede un emendamento della Commissione Bilancio del Senato al disegno di Legge di Stabilità.

Cauto l'apprezzamento da parte di Confedilizia per la riduzione del carico fiscale sugli immobili locati. “E' una misura- scrive l'associazione in una nota- con la quale si compie un primo passo nella giusta direzione. Non possiamo, tuttavia, tacere il nostro rammarico per il fatto che i tecnici del Ministero dell’Economia abbiano all’ultimo momento imposto di attenuare un intervento che le relatrici del provvedimento, con il sostegno di pressoché tutti i Gruppi parlamentari di maggioranza e di opposizione, avevano proposto in misura più marcata.

È auspicabile – prosegue Confedilizia – che l’esame del disegno di legge alla Camera sia l’occasione per rivisitare la norma, attraverso una forte e netta assunzione di impegno da parte della politica, che consenta alla maggioranza trasversale formatasi in Senato di far prevalere la propria proposta di fissazione al 4 per mille del limite massimo Imu-Tasi per gli immobili in questione”. 

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.