Ultime notizie

IMU, L’AREA EDIFICABILE E’ PERTINENZIALE ANCHE SE NON VIENE DICHIARATA NELLA DENUNCIA

IMU, L’AREA EDIFICABILE E’ PERTINENZIALE ANCHE SE NON VIENE DICHIARATA NELLA DENUNCIA

19 Settembre 2017

L’area edificabile utilizzata come spazio di manovra e di stoccaggio per un capannone industriale è qualificata come pertinenziale ai...

GALLARATE, OLTRE 1500 CITTADINI HANNO GIA’ UTILIZZATO PAGOPA PER VERSARE L’IMPORTO DELLA TARI

GALLARATE, OLTRE 1500 CITTADINI HANNO GIA’ UTILIZZATO PAGOPA PER VERSARE L’IMPORTO DELLA TARI

07 Settembre 2017

A Gallarate più di 1500 contribuenti iscritti a LINKmate hanno pagato la prima rata della Tari 2017 utilizzando PagoPA,...

TRIBUTI, LE DELIBERE TARDIVE SONO VALIDE SOLO DALL'ANNO SUCCESSIVO

TRIBUTI, LE DELIBERE TARDIVE SONO VALIDE SOLO DALL'ANNO SUCCESSIVO

05 Settembre 2017

Le delibere sui tributi approvate dagli enti pubblici oltre il termine previsto dal bilancio di previsione non sono da...

AGENZIA DELLE ENTRATE, CEDOLARE CON RAVVEDIMENTO PER LA PROROGA NON COMUNICATA DI UN CONTRATTO DI LOCAZIONE

AGENZIA DELLE ENTRATE, CEDOLARE CON RAVVEDIMENTO PER LA PROROGA NON COMUNICATA DI UN CONTRATTO DI LOCAZIONE

03 Settembre 2017

Nel caso di una tardiva od omessa comunicazione della proroga di un contratto di locazione in regime di cedolare...

“La cancellazione della Tasi sulla prima casa può mettere a rischio i bilanci dei Comuni”: Vincenzo Falasconi, dirigente del Settore "Programmazione Economica e Servizi Sociali" del Comune di San Giorgio a Cremano, condivide le considerazioni di altri addetti ai lavori sui possibili effetti della nuova tassazione immobiliare, che si profila per il 2016.


I contraccolpi per i bilanci potrebbero essere più gravi del previsto?

“Se non sarà assicurata la copertura totale del gettito mancato, il pericolo è reale. E riguarda tutti i Comuni, nessuno escluso. Le conseguenze sui bilanci, però, non si faranno sentire subito ma a lungo andare. Nel caso di San Giorgio a Cremano, il Governo dovrebbe assicurare 2 milioni di euro per compensare il mancato introito della Tasi l'anno prossimo”.

Nel 2015 come vi siete regolati con le tariffe?

“L'estate scorsa abbiamo deliberato per la prima abitazione un'aliquota del 2,3 per mille. Un leggero aumento rispetto all' 1,98 per mille del 2014. L'abolizione del tributo, a partire dal prossimo anno, porterà naturalmente un vantaggio a molti contribuenti. Tuttavia, a San Giorgio, la Tasi non è molto elevata. La media si aggira intorno ai 150 euro totali. La Tasi non è la principale responsabile delle difficoltà economiche delle famiglie. Lo sono molto di più, ad esempio, l'addizionale Irpef o la Tari”.

Per l'anno prossimo avrebbe preferito l'introduzione della local tax?

“Una tassazione di questo tipo non mi sembra semplice, dal punto di vista della gestione. Non vedo alternative al sistema attuale. D'altronde, negli ultimi 10 anni, sui tributi siamo rimasti al punto di partenza. Sono cambiate solo le denominazioni, da Ici ad Imu e così via. Il presupposto dell'imposizione resta il possesso di fabbricati”.

E sulle modalità di pagamento che opinione ha?

“L'F24 è gradito ai contribuenti. E va bene anche ai Comuni perché i versamenti vanno a finire in un'unica banca dati. I problemi sono altri”.

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.