Ultime notizie

L’ASSESSORE DI LECCO ANNA MAZZOLENI A RISCOTEL.IT: “GRAZIE A  LINKMATE I CITTADINI SONO INDIPENDENTI E IL COMUNE RISPARMIA TEMPO E PERSONALE”

L’ASSESSORE DI LECCO ANNA MAZZOLENI A RISCOTEL.IT: “GRAZIE A LINKMATE I CITTADINI SONO INDIPENDENTI E IL COMUNE RISPARMIA TEMPO...

20 Luglio 2017

“Con LINKmate il Comune favorisce l’autonomia dei cittadini nel settore dei tributi”. L’assessore al Bilancio del Comune di Lecco...

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI LECCO AI CITTADINI: “UTILIZZATE LINKMATE ED EVITERETE DI PERDERE TEMPO AGLI SPORTELLI”

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI LECCO AI CITTADINI: “UTILIZZATE LINKMATE ED EVITERETE DI PERDERE TEMPO AGLI SPORTELLI”

11 Luglio 2017

A Lecco si avvicina la scadenza della prima rata della Tari 2017 e l’amministrazione comunale ricorda ai contribuenti tutti...

AGENZIA DELLE ENTRATE, I TRIBUTI SPECIALI CATASTALI SI PAGANO ANCHE CON MODALITÀ ALTERNATIVE AI CONTANTI

AGENZIA DELLE ENTRATE, I TRIBUTI SPECIALI CATASTALI SI PAGANO ANCHE CON MODALITÀ ALTERNATIVE AI CONTANTI

09 Luglio 2017

Dal primo luglio 2017 le tasse ipotecarie ed i tributi speciali catastali si pagano anche con nuovi strumenti alternativi...

ESENZIONI IMU, NIENTE DICHIARAZIONI PER COLTIVATORI DIRETTI E IAP

ESENZIONI IMU, NIENTE DICHIARAZIONI PER COLTIVATORI DIRETTI E IAP

09 Luglio 2017

I coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola non devono presentare ai Comuni la dichiarazione...

Niente più Tasi sulla prima abitazione, a partire dal 2016. Ma i proprietari delle case di pregio continueranno a pagare l' Imu.

Sono questi gli elementi principali- o almeno i più conosciuti- della nuova tassazione immobiliare, che sta venendo fuori dalla Legge di Stabilità. Per l'anno prossimo sono già annunciate molte innovazioni che ridisegneranno lo scenario globale. I cambiamenti già delineati, in buona parte, obbligheranno milioni di contribuenti a rifare i calcoli, notevolmente semplificati da Riscotel. Ma, in attesa che vengano sciolte le ultime riserve su terreni agricoli, imprese e sull'aliquota per le seconde case, vediamo nel dettaglio le novità più importanti che riguarderanno le abitazioni principali.

PRIMA CASA

Dall'anno prossimo scomparirà la Tasi. L'esenzione spetterà a circa 19 milioni di prime abitazioni, accatastate nelle categorie A/2, A/3, A/4, A/5, A/6 e A/7. La cancellazione della Tasi riguarderà anche inquilini e comodatari, che non dovranno più versare la loro quota per la casa in cui risiedono, compresa finora tra il 10 e il 30%.

IMMOBILI DI LUSSO

Per i possessori di case signorili (categoria A/1), di ville (A/8) e di castelli o palazzi storici (categoria A/9), non ci saranno esenzioni. L'aliquota al 4 per mille e la detrazione standard di 200 euro sono le misure previste per tutte le abitazioni di lusso, identificate come prime case. Circa 73mila in tutta Italia. Poche, rispetto al totale delle abitazioni principali. Tuttavia, le tasse da pagare per i proprietari saranno ancora molto costose. Determinanti le elevate rendite catastali medie di questi immobili. 3023 euro per le case signorili, 3026 per le ville e 3691 euro per i palazzi storici. Piuttosto significative anche le statistiche relative alla loro consistenza media. 295 metri quadri per gli A/1. Rispettivamente 483 e 644 metri per le abitazioni inserite nelle categorie A/8 e A/9. Per le case signorili, il maggior numero si trova a Genova. In tutto 4185, secondo l'ultimo censimento del Catasto edilizio urbano, aggiornato al 31 dicembre dello scorso anno. Uno stock di abitazioni che supera nettamente i 3142 di Roma e i 2855 di Milano. Sono proprio queste ultime città, però, ad avere i costi medi più elevati, relativamente all'Imu sulle abitazioni accatastate nella categoria A/1. Calcolando l'importo medio per il 2016 dell'Imu per le case signorili romane, con una rendita catastale media di 5787 euro, viene fuori un totale di 3688 euro. Leggermente più basso quello di Milano, a quota 3530 euro.
Ancora più esiguo il numero di ville nello stock immobiliare nazionale. Il primato appartiene a Firenze con 819 unità. Ma, alla voce costi, primeggiano ancora Roma e Milano, seguite a ruota da Napoli. I proprietari delle 449 ville capitoline pagheranno mediamente 7880 euro di Imu nel 2016. A Milano 5559 euro. Per le 90 ville partenopee, il totale sarà di 4549 euro.

 

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.