Ultime notizie

L’ASSESSORE DI LECCO ANNA MAZZOLENI A RISCOTEL.IT: “GRAZIE A  LINKMATE I CITTADINI SONO INDIPENDENTI E IL COMUNE RISPARMIA TEMPO E PERSONALE”

L’ASSESSORE DI LECCO ANNA MAZZOLENI A RISCOTEL.IT: “GRAZIE A LINKMATE I CITTADINI SONO INDIPENDENTI E IL COMUNE RISPARMIA TEMPO...

20 Luglio 2017

“Con LINKmate il Comune favorisce l’autonomia dei cittadini nel settore dei tributi”. L’assessore al Bilancio del Comune di Lecco...

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI LECCO AI CITTADINI: “UTILIZZATE LINKMATE ED EVITERETE DI PERDERE TEMPO AGLI SPORTELLI”

L’ASSESSORE AL BILANCIO DEL COMUNE DI LECCO AI CITTADINI: “UTILIZZATE LINKMATE ED EVITERETE DI PERDERE TEMPO AGLI SPORTELLI”

11 Luglio 2017

A Lecco si avvicina la scadenza della prima rata della Tari 2017 e l’amministrazione comunale ricorda ai contribuenti tutti...

AGENZIA DELLE ENTRATE, I TRIBUTI SPECIALI CATASTALI SI PAGANO ANCHE CON MODALITÀ ALTERNATIVE AI CONTANTI

AGENZIA DELLE ENTRATE, I TRIBUTI SPECIALI CATASTALI SI PAGANO ANCHE CON MODALITÀ ALTERNATIVE AI CONTANTI

09 Luglio 2017

Dal primo luglio 2017 le tasse ipotecarie ed i tributi speciali catastali si pagano anche con nuovi strumenti alternativi...

ESENZIONI IMU, NIENTE DICHIARAZIONI PER COLTIVATORI DIRETTI E IAP

ESENZIONI IMU, NIENTE DICHIARAZIONI PER COLTIVATORI DIRETTI E IAP

09 Luglio 2017

I coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola non devono presentare ai Comuni la dichiarazione...

Sul sito web dell'Agenzia delle Entrate sono presenti le istruzioni per compilare in maniera corretta il Modello F24 Semplificato. Tale modulo è stato messo a disposizione per agevolare tutti i contribuenti nel versamento e nella compensazione delle imposte erariali, regionali e degli enti locali, tra cui anche l'IMU, la TASI e la TARI.

COME SI COMPILA IL MODELLO F24 SEMPLIFICATO?

Il modello F24 è composto da due facciate, una deve essere compilata e tenuta dal contribuente, l'altra è destinata agli agenti della riscossione, delle banche convenzionate e degli uffici postali.

La sezione "CONTRIBUENTE" è la prima da popolare, qui «occorre riportare il codice fiscale e i dati anagrafici (i campi “codice atto” e “codice ufficio” sono compilati solo se espressamente richiesto dall’ente impositore). Il “Codice fiscale del coobbligato, erede, genitore, tutore o curatore fallimentare”- riporta l'Agenzia delle Entrate - deve essere indicato insieme al “codice identificativo”, desumibile dalla tabella “codici identificativi” pubblicata sul sito internet “www.agenziaentrate.gov.it” (ad esempio: genitore/tutore = 02; curatore fallimentare = 03; erede = 07), con il codice fiscale del: – coobbligato; – erede, genitore, tutore o curatore fallimentare che effettua il pagamento per conto del contribuente e che deve firmare il modello».

"MOTIVO DEL PAGAMENTO" è la seconda sezione del Modello F24 Semplificato da compilare. Sul sito dell'Agenzia delle Entrate è possibile leggere che: «Nella colonna “Sezione” il contribuente deve indicare il destinatario del versamento: “ER” (erario) o “RG” (regione) o “EL” (ente locale). Nelle colonne successive deve inserire il codice tributo e il codice ente per i quali si effettua il versamento e l’anno di riferimento cui questo si riferisce, espresso in quattro cifre (ad esempio 2012). Gli importi devono sempre essere indicati con le prime due cifre decimali, anche se queste sono pari a zero (ad esempio: somma da versare pari a 52 euro, va indicato 52,00)». 

I successivi campi con lo sfondo grigio riguardanti il ravvedimento operoso, gli immobili variati, l'acconto, il saldo, il numero di immobili e la detrazione devono essere compilati o contrassegnati con una X, quando richiesto, solo se si utilizza il Modello F24 Semplificato per i versamenti IMU, TARI, TASI, e IMPOSTA DI SCOPO.

«Se il contribuente paga gli importi dovuti a titolo di saldo o acconto in unica soluzione, - si legge sul sito dell'Agenzia delle Entrate - all’interno della sezione “MOTIVO DEL PAGAMENTO, nella colonna “rateazione/mese rif.” deve indicare 0101. In caso di pagamento rateale, al momento del pagamento di ciascuna rata, il contribuente deve indicare per ogni tributo, nella colonna “rateazione/mese rif.”, la rata che sta pagando e il numero di rate prescelto (ad esempio, se versa la seconda di sei rate, deve indicare 0206)».

Una volta terminate tutte le operazioni precedenti, il contribuente deve firmare il modello all'interno del campo "FIRMA". Vicino ad esso c'è anche lo spazio "Autorizzo addebito su c/c IBAN" che deve essere compilato solo nel caso in cui si vuole addebitare il dovuto finale sul proprio corrente

CALCOLOIUC DI RISCOTEL PERMETTE LA STAMPA DEL MODELLO F24 GIA' COMPILATO

Per poter evitare e risparmiare tempo nella compilazione del Modello F24 Semplificato è possibile utilizzare CalcoloIUC. Il servizio web di Riscotel infatti, dopo aver correttamente calcolato il dovuto IMU e/o TASI offre la possibilità di stampare il modulo già popolato in tutti i suoi campi e pronto per essere utilizzato per il pagamento.

Per approfondimenti sulla compilazione del Modello F24 Semplificato è possibile scarcare qui l'apposito documento

Leggi anche:

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.