Ultime notizie

COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA, ARRIVA LINKMATE

COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA, ARRIVA LINKMATE

09 Gennaio 2017

Il 19 gennaio prossimo il Comune di Falconara Marittima presenterà ufficialmente LINKmate alla cittadinanza, ai CAF ed ai commercialisti...

ROTTAMAZIONE DELLE INGIUNZIONI, A PESARO SI AFFIDERANNO AD UN APPLICATIVO DI ADVANCED SYSTEMS

ROTTAMAZIONE DELLE INGIUNZIONI, A PESARO SI AFFIDERANNO AD UN APPLICATIVO DI ADVANCED SYSTEMS

08 Gennaio 2017

Il Comune di Pesaro si sta organizzando per effettuare la rottamazione delle ingiunzioni nel 2017. E, per farlo, utilizzerà...

A VERONA 128000 ACCESSI DEI CONTRIBUENTI A LINKMATE

A VERONA 128000 ACCESSI DEI CONTRIBUENTI A LINKMATE

30 Dicembre 2016

Sul portale del Comune di Verona sono stati registrati ben 128000 accessi a LINKmate per Imu e Tasi. Lo...

Nuovo saggio di interesse legale nel 2017: CalcoloIUC è stato aggiornato

Nuovo saggio di interesse legale nel 2017: CalcoloIUC è stato aggiornato

28 Dicembre 2016

A partire dal 1° gennaio 2017 il saggio di interesse legale sarà fissato allo 0,1%. A stabilirlo è stato...

Sugli impianti di risalita si pagano l'Imu e la Tasi. A dirlo è stato il sottosegretario all'Economia Enrico Zanetti che ha in pratica confermato quanto la Corte di Cassazione aveva stabilito nella sentenza 4541 del 21 gennaio scorso.

Al question time presentato dai deputati Filippo Busin e Davide Caparini che chiedevano di accatastare le teleferiche, le funivie e le funicolari nella categoria E, che comprende gli immobili a destinazione particolare non soggetti ad alcun tipo di pressione fiscale, e non in quella D, Zanetti ha dato risposta negativa bloccando quindi ogni possibilità di esenzione dall'Imu e dalla Tasi per gli impianti di risalita. Non possono quindi essere equiparati alle stazioni ferroviarie che offrono un servizio pubblico prevedendo lo smistamento dei passeggeri.

"E' proprio la loro vocazione ludico-ricreativa a condannarli al pagamento delle tasse" ha detto il sottosegretario all'Economia che ha messo anche in evidenza che chi usa impianti di risalita paga regolarmente un biglietto e per questo motivo devono essere posti sullo stesso piano delle attività commerciali. Dunque teleferiche, funivie e funicolari continueranno ad essere classificate nella categoria catastale D e saranno, salvo clamorosi ribaltoni, soggette al pagamento dell'Imu e della Tasi.

Leggi anche:

Riscotel utilizza cookies per le sessioni utente e le funzionalità di analisi. Continuando ad utilizzare Riscotel accetti l'utilizzo dei cookies.